Trenta giorni al closing del Genoa

Tanti nomi ma per il momento non sono arrivate proposte concrete a Villa Rostan

59
Massimo Cellino (Foto Matthew Lewis/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

It’s only rock ‘n’ roll, but I like it. Un grande brano degli Stones rischia di diventare la colonna sonora del closing del Genoa. Trenta giorni da vivere al ritmo del r’n’r decideranno il destino del Grifo: o cambierà tutto oppure lo scenario resterà inalterato. Preziosi ha tracciato la deadline della cessione: «Un mese di tempo poi vado avanti da solo». Al momento a Villa Rostan non sono pervenute offerte concrete: ci sono stati abboccamenti (pochi) e voci (tante), spazzate via dal tempo. Si è defilato Adriano Galliani, l’inerzia ora è tutta su Massimo Cellino.

L’ex presidente del Cagliari vuole rientrare nel calcio italiano dopo l’esperienza al Leeds, definita positiva da The Indipendent. I conti sociali del club inglese sono migliori dopo la sua gestione. Cellino, appassionato di musica tanto da aver allestito una band (i Maurilios) che fa cover dei grandi classici Anni ’70 e ’80, ha un mese di tempo per convincere Preziosi a vendere. Non sarà facile perché i temi caldi sono tanti, dalla situazione debitoria al futuro della Fondazione.

Quali sono i possibili scenari del mese del closing rossoblù?

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.