Pereira: “Ottima la mia intesa sulla destra con Medeiros”

L'esterno del Genoa ha spiegato di aver ben figurato sulla sua fascia. E aggiunge: "Sono onorato di fare parte di un club storico come il Genoa nella stagione dei 125 anni"

858
Pereira
La progressione di Pedro Pereira (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Merito di ‘Lapa’ che l’ha messa dentro, se no altro che fama di assist-man!”. Pedro Pereira minimizza al sito ufficiale del Genoa il suo perfetto assist che Lapadula ha trasformato in gol nell’amichevole con lo Zenit: è stata la marcatura del secondo momentaneo vantaggio. “Sostiene Pereira” una perfetta intesa in lingua portoghese con Medeiros: “Sulla destra abbiamo avuto una buona intesa, anche con il mio amico Medeiros mi trovo a occhi chiusi”.

L’esterno lancia un messaggio d’amore: “Sono onorato di fare parte di un club storico come il Genoa nella stagione dei 125 anni. Il club più antico. Come il Benfica nel mio Paese che è stato fondato nel 1904”. Obiettivi? Per ora ce n’è uno soltanto: “Sono d’accordo con Spolli. Il primo obiettivo è la salvezza: archiviata quella vedremo se potremo puntare più in alto”.

Una considerazione sul nostro campionato: “La Serie A è competitiva e difficile, quasi come ragionare e parlare nella vostra lingua” sostiene. Ultimo argomento: le possibili affinità tra il portoghese e il genovese: “L’ho sentita questa, me lo dicono spesso. Mi piacerebbe imparare qualche parola in dialetto, al di là della cadenza simile è un obiettivo che voglio inseguire”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.