Onofri: «Genoa fuori gli artigli, contro il Cagliari bisogna imporre la legge del Ferraris»

«Con il Cagliari bisogna imporre la legge del Ferraris, bisognerà vincere a tutti i costi. Ci vorrà un atteggiamento aggressivo perché si giocherà contro una squadra che non ha più nulla da dire a questo campionato»

1667
Claudio Onofri (Foto Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al termine di Atalanta-Genoa, Claudio Onofri ha commentato la partita dei rossoblù ai microfoni di Radio Nostalgia. «Il Genoa ha fatto una mezzora da schifo dove fa subito due gol, poi la poteva anche pareggiare. Troppi errori, Zukanovic non può fare quella lettura, devi arretrare e coprire la profondità, se De Roon non avesse lanciato poteva salire e mettere in fuorigioco Barrow, un errore individuale clamoroso. Il gol di Pandev è nato da un’azione in stile Real, ma è stato solo un lampo. Con il Cagliari bisognerà imporre la legge del Ferraris, bisogna vincere a tutti i costi. Mi auguro che il Genoa mostri un atteggiamento aggressivo, perché si giocherà contro una squadra che non ha più nulla da dire a questo campionato. Con Pandev in campo c’è più qualità è ovvio, ma il Genoa è carente in avanti. Non si può rimproverare l’atteggiamento, ma tecnicamente la squadra è carente, quando il Genoa deve imporre il gioco si notano tutte le carenze tecniche della squadra. La storia dice questo, anche il primo tempo, nonostante una grande Atalanta, li hai messi in difficoltà in entrambe le fasi di gioco, ma quando devi fare tu la gara si notano tutti i limiti della squadra, si vedono cose che non sono all’altezza della serie A».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.