ESCLUSIVA PG, Andrissi (ds Spezia): “Palladino? Può succedere”

"C'è stato un contatto ma in questo periodo ce ne sono tanti. Gilardino? Esemplare"

116
Palladino
Raffaele Palladino (Foto Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Questa mattina vi avevamo raccontato tutti i dettagli circa un presunto interesse dello Spezia nei confronti di un Raffaele Palladino finito ai margini del Genoa dopo l’acquisto di Giuseppe Rossi (CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA). Il calciatore, secondo quanto riportato da alcuni quotidiani, avrebbe già sondato la possibilità di restare in Liguria scendendo di categoria, e si vociferava pure di primi pensieri positivi circa una fumata bianca nella trattativa. Il tassello andrebbe in porto pure grazie alla probabile permanenza in rosa di Andrej Galabinov, dunque tutto farebbe pensare a un affare ben avviato verso la conclusione. Ma per sapere come stiano realmente le cose, e per far luce su uno dei temi più caldi riguardanti il calciomercato rossoblù, Pianetagenoa1893.net ha contattato in esclusiva il ds della società bianconera, Gianluca Andrissi.

(da genoacfc.it)
(da genoacfc.it)

In primis, ci può rivelare se esista una trattativa e a che punto stia?

Dunque, c’è stato un contatto però c’è anche da dire che in questo periodo ce ne sono veramente tanti, un po’ in tutti i ruoli. Palladino è sicuramente un giocatore forte, un professionista gradito perché può fare la differenza in Serie B come ha già dimostrato in passato. Per adesso diciamo che c’è un pour parler con l’agente, poi vedremo se potrà nascere qualcosa. Allo stato attuale, può succedere di tutto.

Peraltro Palladino al Genoa si ritrova in una condizione di fuori rosa, essendo uscito dalla lista dei 25 per fare spazio a Giuseppe Rossi. Tra le voci più insistenti, si diceva che il giocatore avrebbe chiesto allo Spezia un bonus importante in caso di promozione in Serie A. Questo confermerebbe la vostra volontà di tentare l’ascesa in Serie A…

Noi quest’anno abbiamo ridotto fortemente il budget, abbiamo l’obiettivo di salvarci in quanto il nostro patron Volpi voleva spendere meglio i suoi investimenti. Devo dire che c’è una ricerca, uscita ieri sul Città di La Spezia (quotidiano locale, ndr), che testimonia come il nostro sia il 17° budget della categoria. Il nostro patron vuole raggiungere col tempo l’obiettivo Serie A, ma per il momento pensiamo a mantenere la categoria.

Lo Spezia è lì, in zona playoff, merito anche di un ex rossoblù come Alberto Gilardino. Un campione del mondo che però pare essersi calato alla perfezione nella vostra realtà (otto presenze e due reti per l’ex attaccante del Genoa).

Sì, abbiamo avuto un inizio un po’ difficoltoso, poi in estate abbiamo stravolto la rosa liberandoci di calciatori importanti che però avevano anche ingaggi pesanti. E’ stato fatto un forte rinnovamento, è stato bravo il mister e sono stati bravi i ragazzi perché nelle ultime dieci gare abbiamo dato una svolta e al momento siamo all’ottavo posto. Gilardino è stato un regalo del nostro patron, Volpi, che dobbiamo sempre ringraziare per tutto quello che fa per lo Spezia Calcio. Devo dire che ha dimostrato nobiltà e sensibilità spettacolari: è davvero un esempio per tutti i calciatori, motivo di miglioramento per i nostri giovani e devo dire che tutte le volte che è entrato in campo ha sempre fatto bene. Siamo davvero onorati di averlo con noi.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.