Il Genoa conquista un punto, ma la squadra è timida in attacco – Buon 2019 a tutti

La squadra di Prandelli ha provato ad attaccare con decisione solo nella parte finale della gara con la Fiorentina

1731
Marco Liguori
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Meglio che niente! In tanti di voi, miei cari amici genoani da Boccadasse al Mato Grosso, hanno pensato così dopo il pareggio colto dal Genoa in casa contro la Fiorentina. La squadra di Prandelli conclude il girone di andata a quota 20, con sette punti di vantaggio sul Bologna terzultimo. Un margine discreto, ma che non pone i rossoblù al riparo da sgradite sorprese. Il pareggio di oggi fa guardare anche il bicchiere mezzo vuoto: il Grifone ha avuto il coraggio di attaccare con decisione negli ultimi 10 minuti. Per il resto della gara si è vista una squadra compatta tra difesa e centrocampo, ma balbettante in fase offensiva: un peccato non aver provato a colpire di sciabola, visto che non appena la difesa era messa sotto pressione, la Fiorentina era in difficoltà. A tratti il Grifone ha invece subito gli avversari che hanno centrato anche due pali: è andata bene, ma non si può sempre giocare per un punticino.

Da sottolineare la marcatura asfissiante su Piatek, non sanzionata a dovere in alcuni casi dall’arbitro Massa: è invece arrivato il cartellino giallo che impedirà all’attaccante di essere presente il 21 gennaio contro il Milan. Una decisione molto fiscale, visto che il fallo commesso dal polacco su Pezzella non era da condotta antisportiva. Un’assenza molto pesante che complica la vita a Prandelli.

E ora ci sarà la lunga sosta di 20 giorni che consentirà al tecnico di ovviare ai difetti della squadra. Il 3 gennaio prenderà il via il calciomercato invernale: dovrebbe essere in arrivo Barreca per la fascia sinistra, ma occorrono altri rinforzi. Oggi è fallito l’esperimento dei tre “corridori” Hiljemark, Rolon e Bessa: occorre un regista, come già detto nelle scorse settimane. Manca anche un’altra punta centrale, sperando nell’esplosione di Favilli. E poi si dovrà anche sfoltire la rosa, dove ci sono giocatori come Lakicevic che non hanno trovato spazio. La sensazione è che anche questa sessione di mercato sarà molto calda per il Genoa. Sperando che il 2019 porti finalmente un po’ di ottimismo a Pegli e dintorni. A proposito: buon anno a tutti voi tifosi genoani, ovunque voi siate, e vi auguro tanta serenità. Passo e chiudo!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.