Prandelli: “Clamoroso errore del Var, perchè non si è rivista l’azione?”

Prandelli in conferenza. " Il Var  è uno strumento democratico, l'ho detto più volte, anche in democrazia accadono degli errori: stasera c'è stato un errore tecnico dell'arbitro".

2088
Prandelli
Prandelli (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa ci ha provato, ma l’Olimpico a tinte giallorosse sembra stregato per il Grifone, sconfitto ancora una volta per il dodicesimo anno di fila. Questa volta però il rammarico è grande, non solo per essere andati due volte in vantaggio, ma per un chiarissimo calcio di rigore negato a Goran Pandev al tramonto del match. Mister Prandelli ha commentato nella consueta conferenza stampa post partita il 3-2 on cui si è imposta la Roma, di seguito le sue dichiarazioni raccolte dai colleghi di Radio Nostalgia. ” Ci sentiamo defraudati, abbiamo fatto una grande prestazione, costruendo  tante occasioni. Abbiamo commesso degli errori tecnici,è vero, ma anche l’arbitro ne ha fatti. Non capisco perchè non abbiano rivisto l’azione al Var. Volevamo la vittoria e siamo venuti a giocare a viso aperto. La partita l’abbiamo persa a dieci secondi dalla fine del primo tempo, dovevamo gestire il pallone e invece abbiamo preso una ripartenza che potevamo evitare. Stasera c’è stato un grosso errore, se rivedi l’azione ti rendi conto che è stato un errore grande perchè la spinta era chiara ed evidente. Il Var  è uno strumento democratico, l’ho detto più volte, anche in democrazia accadono degli errori: stasera c’è stato un errore tecnico dell’arbitro, per me è clamoroso. L’atteggiamento mi è piaciuto, siamo ripartiti bene soprattutto sugli esterni, accorciando molto bene. Dobbiamo migliorare sulle chiusure preventive ed essere più concentrati quando difendiamo in area di rigore.  Che Genoa vedremo nel proseguo del campionato? Vedremo un Genoa che lotterà e che deve migliorare, e abbiamo le potenzialità per farlo. Stiamo lavorando sul migliorare individualmente i calciatori, i ragazzi mi seguono. provano a fare ciò che facciamo in settimana. Con Di Francesco ci siamo salutati e mi ha dato il benvenuto, io gli ho fatto un caloroso e sincero in bocca al lupo. La Roma ha giovani straordinari, Zaniolo è il futuro del nostro calcio, non solo della Roma. Prima della partita De Rossi, Florenzi, Balzaretti e De Sanctis sono venuti a salutarmi, è stato bello riabbracciarli”.

 

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.