GAZZETTA DELLO SPORT – E va in scena il duello tra Gravina e De Siervo sulle prossime mosse

Secondo la "rosea" il presidente Figc avrebbe l'appoggio dei presidenti Preziosi e Lotito

571
FIGC Gravina
Il presidente della Figc Gabriele Gravina (Foto sito Figc)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Gazzetta dello Sport oggi in edicola (a firma Alessandro Catapano e Carlo Laudisa) racconta gli scenari futuri in Lega di A dopo le dimissioni del presidente Gaetano Micciché. Ieri Gabriele Gravina, presidente Figc, ha convocato d’urgenza il consiglio federale per domani: il governo del calcio nominerà un commissario ad acta (Mario Cicala, presidente dell’Organismo di vigilanza Figc e membro di quello della Lega) per modificare lo statuto e indire le elezioni per il nuovo presidente. Dal canto suo, l’amministratore delegato Luigi De Siervo ha convocato l’assemblea il 2 dicembre per eleggere subito il successore di Micciché. Gravina intenderebbe redistribuire poteri e funzioni all’interno della “Confindustria del pallone” che al momento, secondo il presidente federale, sarebbero troppo sbilanciate verso l’amministratore delegato De Siervo. La posizione del numero uno Figc avrebbe l’appoggio dei presidenti, tra cui Enrico Preziosi e Claudio Lotito, «che negli ultimi mesi hanno manovrato per erodere la posizione di Micciché e, ora, avrebbero messo nel mirino De Siervo» si legge sulla Gazzetta dello Sport.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.