Tra i pali del Genoa dopo tanto tempo un altro Cervone: ha 14 anni

Tomaso è alto 1.86 ed è di Genova: il Grifone sta per strapparlo al Milan

6346

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa, seppure nel settore giovanile, a distanza di oltre trent’anni avrà un altro portiere di nome Cervone.
Questa volta è il momento di Tomaso Cervone, un classe 2006 e già un’altezza di 1 metro ed 86 centimetri.
Il Grifone lo sta letteralmente strappando al Milan, seppur con una buona dose di fortuna.
Il suo cognome è ricordato ai tifosi rossoblu con i capelli bianchi, visto che negli anni ’80 c’è stato già un Cervone alla guardia dei pali del Vecchio Balordo: si chiamava Giovanni e tra il 1984 ed il 1987 giocò 104 gare di campionato con il Genoa; a dire il vero, non fu molto apprezzato dai sostenitori, e la sua vera forza la espresse poi alla Roma, disputando campionati di altissimo livello.
Ma si tratta soltanto di omonimia. Tomaso Cervone è di Genova, e suo papà ha giocato per 4 anni a livello giovanile nella Sampdoria.
La sua storia. A gennaio, il Milan pareva intenzionato a tesserarlo, facendo uscire anche alcune foto ufficiali in maglia rossonera. Il primo provino era andato molto bene, tanto come da prassi la società milanista si era accordata per rivederlo tutte le settimane sino al mese di maggio per poi formalizzare il tesseramento.
Ma la sfortuna, come spesso accade, ci ha messo lo zampino: Tomaso la settimana successiva il primo provino si è infortunato ed è dovuto stare fermo per tre settimane. Poi ecco arrivare la pandemia, ed il rapporto si è interrotto.
Nel contempo il Genoa, da parecchio sulle tracce di Cervone, che aveva fatto tutta la trafila delle giovanili in rossoblu dal 2013 al 2018 per poi passare all’Athletic, si è rifatto sotto, dimostrando una forte volontà di riportarlo alla base.
Tecnicamente, Tomaso Cervone ha un fisico imponente, e con la sua altezza ha il suo pezzo forte nelle uscite alte. Gli addetti ai lavori dicono che dovrà trovare maggiore velocità di esecuzione, come è richiesto ai portieri nel calcio moderno.
L’idolo di Tomaso è il numero uno tedesco Marc-André Ter Stegen, portiere del Barcellona e della Nazionale tedesca.
Il ragazzo è entusiasta della possibilità di vestire la maglia genoana. “Al Milan sarei andato volentieri – dice emozionato – ma il Genoa è la squadra del mio cuore…”.
Un Milan che non si da per vinto, e cerca ancora di strappare il ragazzo al Grifone, che ormai lo ha praticamente tesserato.
Tomaso ed il Genoa: al cuore, si sa, non si comanda; e se tutto andrà come ormai sembra, sarà questo gigante di 14 anni a difendere la porta del Genoa Under 15 nella stagione 2020-21.

Franco Ricciardi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.