Ecco Alessandro Tanda, il mitico ideatore del Premio Scoglio d’Oro a Boccadasse

Ci scrive suo figlio Giovanni: «A molti testimoni passati e presenti dello scoglio imbandierato potrà far piacere sapere che è ancora vivo e vegeto»

601
Alessandro Tanda con lo striscione del Genoa Club Patiti Rossoblù
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ricorrono in questi giorni foto, servizi e video celebrativi della bandiera rossoblu sullo scoglio di Boccadasse, che come avete recentemente puntualizzato è stata issata per la prima volta negli anni ’70.

Sono rimasto molto colpito, quasi commosso, da un video che circola su Youtube che ripercorre in modo impeccabile la storia di quella bandiera e dell’uomo (viene citato il presidente del Clan Patiti Rossoblu di Boccadasse) che ebbe l’idea di quel trofeo (lo Scoglio d’oro) che ogni stagione sportiva premiava il giocatore più meritevole e della bandiera che faceva da sfondo alla cerimonia di consegna del premio.

Quell’uomo, Alessandro Tanda (“u megu” di Boccadasse) è mio padre e a molti testimoni passati e presenti dello scoglio imbandierato potrà far piacere sapere che è ancora vivo e vegeto, gode di ottima salute in attesa del suo novantacinquesimo compleanno ed ogni tanto mi chiede di accompagnarlo in una breve passeggiata proprio sino alla…sua bandiera.

Ve ne allego una foto recente (insieme a mia mamma, prossima ai 93 anni), di fronte allo striscione del suo club, portato in giro per i campi di mezza Italia negli anni settanta….

Giovanni Tanda

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.