I ricordi di Marco Colla: «Genoa-Atalanta 1-0, la mia prima vittoria nel 1953» (VIDEO)

Dopo due reti annullate a Dalmonte, fu lo stesso "roccia" a segnare il gol vittoria scaraventando il pallone nella porta avversaria sotto la Nord

391
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Iniziai ad interessarmi del Genoa all’età di 9 anni; era il 1953. Mi ritrovai a settembre con il grifone neo promosso in serie A.  Uno storico successo datato 10 maggio contro il solido Fanfulla di Lodi (1-0 gol di Chiumento) aveva suggellato il ritorno fra le elette con due giornate di anticipo. Feste a iosa al Ferraris. Oltre la promozione doveva venir festeggiato il 60° anniversario dalla fondazione. Per l’occasione Marassi parato a festa: vennero invitati gli “eroi rossoblu” degli anni precedenti, promossa una sfilata con i vessilli di tutte le squadre di serie A, venne infine programmato un incontro amichevole (in linea con le origini) fra il promosso Genoa e una fortissima rappresentativa londinese, avversario all’epoca invitto a livello continentale. Vinceranno questi ultimi 2-1, al termine di un incontro entusiasmante ma soprattutto equilibrato.

Ma passata la festa…… iniziava un campionato di ben altra dimensione. La serie A dopo appena quattro giornate presentava già un conto deficitario per il Grifone costituito da due sconfitte e altrettanti pareggi per un bottino di due sole lunghezze. E alla quinta giornata si presentava al Ferraris l’Atalanta, squadra alla portata dei rossoblu. E qui… interviene indirettamente il sottoscritto. Era l’11 ottobre 1953 e nei miei programmi di quel giorno c’era  la gioia di assistere alla mia prima partita in assoluto della massima serie. Partita alla portata, si diceva. Eh sì, ma mica vinta in partenza. Gli orobici presentavano una squadra già affiatata e smaliziata nella massima serie, per giunta si erano rinforzati col laterale Annovazzi, già nazionale e con l’ex bandiera sampdoriana Adriano Bassetto, attaccante. Il Genoa dal canto suo, aveva mantenuto gli anziani Franzosi, Becattini e Cattani nonché il bomber valdostano ventiduenne Giorgio Dalmonte, un centrocampo nuovo col l’ottimo mediano norvegese Larsen e con il poco produttivo danese Bennike (si rivelerà tale). Era carente sulla fascia sinistra tanto che il tecnico Giorgio Sarosi era costretto a schierare all’ala mancina il laterale Luciano Delfino. Il Genoa avrebbe comunque risolto tale problema qualche settimana dopo con l’ingaggio di un certo… Carapellese.

Ricordo comunque che vidi il Genoa attaccare per quasi tutto il primo tempo in direzione curva sud. Fu pure sfortunato: colpì due pali, uno di questi con lo stesso Delfino, e l’arbitro Rigato di Mestre annullò due reti a Dalmonte una delle quali per un discutibile fuorigioco, l’altro per tocco di mano sempre di “Roccia”. Atalanta quasi tutta schierata nella sua area. Evidentemente il pareggio era il loro obbiettivo. Alla ripresa del gioco, stessa solfa, ma con esito diverso. Lo stesso Dalmonte a metà tempo scaraventò in diagonale sotto la Nord il pallone dell’1-0 che sarebbe diventato punteggio finale. Dunque, prima vittoria in campionato del grifone matricola, e aggiustamento della precaria classifica con vista zone da mar della tranquillità. Seguiranno altri successi tutti ottenuti sul terreno del Ferraris. Gli stessi consentiranno una salvezza non troppo sofferta al termine di un cammino parecchio contradditorio. A qualche striscia positiva, faceva rovescio della medaglia una serie di “black out”. A fine campionato il rendiconto metteva in evidenza l’assoluta insufficienza di almeno sei atleti, con conseguente aggravio negativo nel bilancio societario. Gli stessi vennero ceduti, ma sul piano finanziario cambiò poco.  Su quello tecnico, dal settore giovanile stava uscendo un poker di atleti friulani o razza Piave. Tali erano Pestrin, Firotto, Corso e Carlini. Garantiranno tranquillità nel breve, cosa non da poco per il Genoa.

TABELLINO

Genova, 11 ottobre 1953

Genoa- Atalanta 1-0

Marcatore : Dalmonte al 68’

Genoa : Franzosi, Melandri, Becattini, Corrente, Cattani, Martini, Dalmonte, Pravisano, Seratoni, Bennike, Delfino

Atalanta : Albani, Rota, Corsini, Annovazzi, Cadè I, Villa, Brugola, Rasmussen, Cergoli, Bassetto, Cadè II

Arbitro : Rigato di Mestre

Marco Colla

Giorgio “Roccia” Dalmonte (Foto “Il Calcio e il Ciclismo Illustrato)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.