Mino Francioso: «La Juve vince sfruttando le disattenzioni della difesa genoana»

Al Marassi il Genoa affronta una delle squadre che sta attraversando un periodo di forma smagliante. Per questo il Genoa, a inizio partita, cerca di rimanere nella sua metà campo per evitare di lasciare spazi liberi agli attaccanti avversari, adottando dei raddoppi su Krasic e Quagliarella. Il Genoa parte aggressivo creando due occasioni da goal con Luca Toni che non […]

11
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al Marassi il Genoa affronta una delle squadre che sta attraversando un periodo di forma smagliante. Per questo il Genoa, a inizio partita, cerca di rimanere nella sua metà campo per evitare di lasciare spazi liberi agli attaccanti avversari, adottando dei raddoppi su Krasic e Quagliarella. Il Genoa parte aggressivo creando due occasioni da goal con Luca Toni che non è riuscito a concludere davanti a Storari,e con Rafinha su calcio di punizione laterale direttamente in porta, esaltando le qualità del portiere.

Su un rilancio dal centrocampo la Juve realizza il goal con la sponda di testa di Quagliarella su Marchisio che calcia in porta trovando una deviazione di Dainelli. La palla finisce alle spalle dell’ incolpevole Eduardo. Il secondo goal della Juve arriva dopo pochi minuti su un incursione di Krasic sulla fascia sinistra del Genoa, nel quale Criscito, condizionato dall’ammonizione ricevuta precedentemente, evita il contrasto e lo juventino si trova a calciare in porta trovando il palo più lontano. Dopo il 2 a 0 della Juve, il Genoa reagisce. Sopratutto Criscito mette in difficoltà la difesa avversaria colpendo la traversa con un tiro al volo da fuori area e con svariati tentativi di cross per la testa degli attaccanti. E’ stato l’unico giocatore capace di mettere in difficoltà la squadra avversaria. Nel secondo tempo Ballardini fa entrare in supporto di Toni, fin dall’inizio completamente isolato, l’attaccante Destro e il centrocampista Kharja per cercare di recuperare il risultato.

Il Genoa costringe la Juventus a difendersi mettendo in evidenzia le qualità di Toni grazie ai precedenti inserimenti che hanno dato vivacità all’azione offensiva. Il Genoa, per la voglia che ha avuto nel secondo tempo, avrebbe meritato di accorciare le distanze. La Juve porta a casa la vittoria sfruttando le disattenzioni della difesa Genoana.

Mino Francioso

RIPRODUZIONE (ANCHE PARZIALE) DELL’ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.