Il Genoa Club Riva Trigoso organizza per martedì 22 gennaio una cena di beneficenza

La serata si svolgerà presso il "Circolo Sabino": parteciperanno giocatori e dirigenti del club rossoblù oltre a rappresentanti dell’Associazione Club Genoani

156
Genoa Club Riva Trigoso
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

CENA DI BENEFICENZA al Genoa Club Riva Trigoso martedì 22 gennaio a partire dalle ore 20,00.

La serata si svolgerà presso il “Circolo Sabino” di Trigoso dove la cucina, a gli ordini degli Chef Alessandro Dentone ed Antonio Savastano, proporrà alcuni piatti della tradizione locale.

Parteciperanno alla serata giocatori e dirigenti del Genoa C.F.C. oltre a rappresentanti dell’Associazione Club Genoani.

Durante la serata, l’amico Diego Pistacchi, presenterà il suo ultimo libro: “Cosa ha fatto il GENOA? – gli anni di Martinaromanotestoni.

Il Genoa Club Riva Trigoso, attivo dal 1989, è da sempre impegnato in iniziative a sfondo sociale. Proprio per dare continuità a questo tipo di impegno, si organizza la “Cena di beneficenza” che, nelle 3 precedenti edizioni, ha permesso di donare un totale di circa 5.000 € alle locali “Fondazione Giovanni Raffo”, impegnata da anni nella battaglia contro la Sindrome Laterale Amiotrofica, alla “Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica”, che si occupa di assistenza malati e di progetti di ricerca sulla patologia ed alla Sezione Ligure della “Associazione Italiana Sindromi Atassiche Onlus”, che sostiene ed assiste le persone afflitte da questo tipo di disturbi neurologici.

Quest’anno, in occasione della quarta edizione, i proventi saranno devoluti al Comitato Assistenza Malati Tigullio Onlus, che si occupa di aiutare sul nostro territorio, sia logisticamente che economicamente se necessario, persone che si trovano ad affrontare malattie importanti.

L’appello, rivolto a tutti, è pertanto quello di partecipare numerosi, prenotando al numero

338 7320740 (Massimo) o al 338 8389356 (Genoa Club): “Passeremo insieme una serata in allegria gustando prelibati piatti e, contemporaneamente, dando una mano a chi ne ha bisogno”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.