Club Portuali Voltri: la Nord contesta il proprietario e trascina il Genoa alla vittoria

Andrea Moresi: «Nella vittoria contro il Cagliari il tifo rossoblu ha avuto grandi meriti, perché è riuscito a bilanciare il sostegno al Genoa e la protesta contro la presidenza»

931
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Contava solo vincere, e grazie al gol di Pandev i ragazzi di Nicola hanno battuto il Cagliari.
Solo l’impresa del Lecce a Napoli non consente al Grifone di respirare già oggi aria di salvezza, ma il campionato è ancora molto lungo e ciò che conta è che il nostro allenatore è riuscito a dare alla squadra equilibrio, vis-pugnandi, gioco e cattiveria, ovvero caratteristiche indispensabili per potersi salvare.
Doti che, invece, nelle precedenti gestioni tecniche non si erano viste.

Ma i meriti di Davide Nicola non si fermano quì: il nostro allenatore ha fatto recuperare ai suoi giocatori non solo una buona condizione fisica, ma soprattutto anche una condizione mentale ottimale, soprattutto nella testa di giocatori importanti come Pinamonti e Sanabria che prima del suo arrivo avevano profondamente deluso.

Ma alla fine è stato ancora Pandev, vecchio campione umile, a fare la differenza: il suo ingresso in campo, avvenuto per sostituire l’infortunato Ghiglione, ha scombinato le carte del Cagliari.
Grazie al suo gioco sempre intelligente e raffinato, il macedone ha prima creato spazi ed occasioni per le nostre punte, poi grazie ad un suo tiro-cross velenoso ha regalato il gol-vittoria alla squadra.

Una vittoria strappata coi denti ed ottenuta senza perdere la testa, in cui la nostra difesa non ha mai ballato pericolosamente se non nel finale di partita, quando le forze fisiche erano ormai ridotte ai minimi termini.
Contro il Cagliari proprio nel reparto arretrato ha fatto il suo esordio il francese Soumaoro, mostrando caratteristiche molto positive non solo dal punto di vista fisico e tecnico, ma anche da quello tattico.
E se pensiamo che in questa partita ben due terzi della tre difensiva erano nuovi perché anche Masiello aveva esordito solo sette giorni prima, ecco allora che, nonostante tutte queste difficoltà, l’apporto dato del reparto arretrato alla vittoria della squadra è risultato fondamentale.

Purtroppo la vittoria contro il Cagliari ha avuto anche un paio di aspetti negativi: prima di tutto quello che riguarda Lasse Schöne, che è uscito dal campo dopo 50 minuti per un problema muscolare.
Il regista danese anche contro i sardi stava giocando un’ottima partita, soprattutto alla luce del fatto che l’uomo che Maran gli aveva incollato addosso era nientepopodimeno che Radja Nainggolan, ma il duello tra il nostro numero 20 ed il campione belga era stato vinto fino a quel momento dal nostro regista.

Il centrocampo titolare di Nicola vede due mediani di gamba (Sturaro e Behrami) ed uno di cervello (Schöne): purtroppo tra i ricambi solo Cassata garantisce dinamicità al reparto, mentre il tanto discusso Radovanovic non può sostituire il fosforo e la classe del danese.

Speriamo quindi che l’infortunio di Schöne non sia grave e che non gli faccia interrompere né il minutaggio di gioco né il suo ottimo stato di forma.

L’altro aspetto negativo di giornata riguarda la vittoria del Lecce a Napoli, dove tre nostri ex (Liverani in panchina, Lapadula e Saponara in campo) stanno facendo ottenere ai pugliesi risultati straordinari.
Purtroppo gli ultimi successi dei giallorossi contro Torino e Napoli stanno rendendo sempre più difficile il tentativo dei ragazzi di Nicola di scavalcare il Lecce in classifica per lasciare loro il terzo ticket per un posto in serie B.
Inoltre anche la vittoria di sabato della squadra di Ranieri a Torino ha lasciato praticamente invariate le distanze tra il Genoa e il gruppo delle squadre in posizione di classifica più tranquilla.

Va però anche detto che le vittorie di Genoa, Lecce e Sampdoria hanno accorciato le distanze tra le squadre della parte destra della classifica, quindi alla lunga, e ripeto, alla lunga anche squadre distanti come Torino e Udinese possono essere invischiate in questa difficile lotta per la salvezza, mentre invece le speranze di Brescia e SPAL cominciano concretamente ad affievolirsi.

Per finire vorrei spendere le ultime parole di questo post sulla nostra tifoseria, che se da una parte sta accelerando fortemente sulla durissima e sacrosanta contestazione contro il proprietario del Genoa, dall’altra invece sta supportando in maniera veemente la squadra e l’allenatore.
Nella vittoria contro il Cagliari il tifo rossoblu ha avuto grandi meriti, perché è riuscito a bilanciare il sostegno al Genoa e la protesta contro la presidenza.
Questo sostegno è fondamentale per la squadra, e sono certo che non mancherà mai, soprattutto sabato prossimo a Bologna quando il Grifone giocherà in trasferta contro una delle squadre più in forma del campionato.
Ma fanno ben sperare la continuità dei risultati che la cura Nicola sta dando al Grifone ed i ricordi ancora freschi dell’ottima prestazione effettuata a Bergamo contro un avversario in ottima condizione di forma e con una altissima considerazione.

E voi cosa ne pensate?
Commentate qui sotto, fateci conoscere il vostro parere!
Alè Genoa!

Andrea Moresi – Genoa Club Portuali Voltri

🔴🔵

Se vi piace ciò che facciamo suggerite ai vostri amici di seguirci e di rimanere sempre aggiornati mettendo il classico Like sulla nostra pagina, raggiungibile su
http://www.facebook.com/gcportualivoltri

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.