La tradizione tutta rossoblù dei distintivi del Club continua col “Filippo Pastorino” di Masone

Il sodalizio rossoblù ne ha donato uno al Museo

101
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La tradizione tutta rossoblù di avere il distintivo del Club continua grazie al Genoa Club ‘Filippo Pastorino Masone’. Tutto è nato da un incontro al Little Club con il vicepresidente Guido Lavagna. Ci ha parlato dei distintivi e di questa nostra tradizione molto inglese; mi ha fatto vedere cosa aveva fatto per i club e mi ha incuriosito. Ci ho pensato su e poi perché no! Sentiti gli amici abbiamo deciso di farlo e ora lo mostriamo con orgoglio. Vedere il nostro simbolo diventato gioiello è stato un momento emozionante. Guido ci ha detto che esistono oltre 600 distintivi rossoblù molti dei quali si possono vedere al museo. Al museo ne abbiamo donato uno perché volevamo che ci fosse anche quello G.C. ‘Filippo Pastorino Masone’ e non è l’unico nostro cimelio conservato. Si è occupato di tutto con spirito da volontario senza nessuna palanca. In cambio mi ha chiesto di diffondere questa tradizione Genoana e lo farò molto volentieri. Cogliamo l’occasione per ringraziare il Genoanissimo Gianni Lavarello presidente dell’Unioncollezionisti Calcio che lo ha disegnato e realizzato in Cina in modo stupendo. Anche lui lavoro e pazienza cinese da volontario perché trattare a così tanta distanza con gente che scrive e pensa in modo tutto differente non è per niente una passeggiata. Grazie Gianni!!

Il nostro lo abbiamo fatto e voi?

Chi vuole sapere di più può chiedere a noi o a Guido al Little (guignagrifo@gmail.com).

Un abbraccio rossoblù.

Genoa Club “Filippo Pastorino Masone”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.