Genoa, un pari che vale come oro colato. Personalità giusta

Lapadula spreca il pallone della possibile vittoria, ottimo Izzo negli anticipi e Zukanovic in posizione. Bertolacci-Veloso soffrono la potenza di Kessie

98
Bonucci lascia il campo dopo l'espulsione (Foto Marco Luzzani/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa blocca sullo 0-0 il Milan di Montella e porta a casa il suo quarto punto nelle ultime due trasferte.

Nel primo tempo più possesso palla del Milan ma la partita subisce la sua prima curva al 25′: Bonucci mette a terra Rosi con una gomitata volontaria, Giacomelli consulta il Var e successivamente estrare un sacrosanto cartellino rosso. Nonostante questo il Genoa decide di rimenere ‘sulle sue’ senza accelerare mettendo più uomini tra le linee.

Nella ripresa il Grifo alza il proprio baricentro e sfiora il vantaggio con Gianluca Lapadula: errore mostruoso dell’attaccante rossoblù al rientro dopo l’infortunio che si fa rimontare dieci metri di vantaggio da Zapata. Milan poco pungente, solo Suso e Borini hanno infuso la giusta cattiveria. Nel Genoa bene il reparto difensivo e la personalità.

MILAN-GENOA 0-0
Milan (3-4-2-1): G. Donnarumma; Zapata, Bonucci (26′ Romagnoli), Rodriguez; Borini, Kessie, Biglia, Bonaventura (67′ Calabria); Çalhanoglu (25′ Romagnoli), Suso; Kalinic (84′ Cutrone). All. Montella A disposizione: A. Donnarumma, Storari, Musacchio, Gomez, Abate, Mauri, Montolivo, Locatelli, André Silva.
Genoa (3-5-2): Perin; Izzo, Rossettini, Zukanovic; Rosi (52′ Lazovic), Rigoni (77′ Ricci), Veloso, Bertolacci, Laxalt; Taarabt, Galabinov (52′ Lapadula). All. Juric A disposizione: Lamanna, Zima, Gentiletti, Biraschi, Migliore, Omeonga, Brlek, Palladino, Pandev, Pellegri.
Ammonizioni:
39′ Zukanovic (G), 61′ Taarabt (G).
Espulsioni: 25′ Bonucci (M).
Tiri in porta: 7-2
Calci d’angolo: 5-3
Possesso palla:
53%-47%
Note: 3′, 3′ di recupero.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.