(S)visti da lontano – La vera partita deve essere la fine dell’era Preziosi

Nessuno però si illuda. Un'eventuale cessione comporterà mesi per firmare, subentrare, nominare, pianificare, programmare ed eseguire

9543
Federico Santini Genoa Preziosi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sabato sera non ho visto la partita. Ho preferito rimanere al mare. La goleada di Milano era così scontata che l’unica sensazione associata al Genoa sabato pomeriggio era la nausea.

I giornali parlano di cessione. Speriamo che sia vero e soprattutto che gli acquirenti siano “veri imprenditori” e non un fondo senza esperienza nel calcio.

Il Genoa è come una città bombardata. La “difficile” situazione debitoria è auto-dichiarata dalla società. La rosa è ai minimi termini. I calciatori di proprietà sono pochi, con contratti onerosi e sul viale del tramonto calcistico. La squadra di oggi dal punto di vista sportivo faticherebbe in Serie B. La società è sull’Aventino anche nei confronti dei tifosi. Il Genoa non comunica: silenzio stampa dopo la debacle con l’Inter. Nessuno parla. Le conferenze stampa sono delle prese in giro per i tifosi. Gli account ufficiali sono ricoperti di insulti da parte degli stessi genoani esasperati da come il Genoa viene trattato.

Insomma, Preziosi ha superato tutti i record negativi e il Grifone è già nello psico-dramma e ultimo in classifica alla prima di campionato.

Nessuno si illuda. Un’eventuale cessione comporterà mesi per firmare, subentrare, nominare, pianificare, programmare ed eseguire.

La speranza è che sia presto un reset totale e amen se questo vorrà dire essere retrocessi a febbraio. Meglio fare esplodere tutto e ripartire da zero in B senza Preziosi che vivere alla spera in Dio.

L’obiettivo deve essere azzerare i debiti e costruire un nuovo Genoa, partendo dalle funzioni societarie base.

L’attuale società è riuscita nell’impresa titanica di far venire la nausea ai Genoani quando pensano/parlano/guardano il Genoa.

La prossima scontata figuraccia contro il Napoli sarà in fondo irrilevante.

La vera partita deve essere la fine dell’era Preziosi.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.