(S)Visti da Lontano – Genoa senza attacco al derby, dovrà buttarla sul cuore e sulla lotta

Thiago Motta con 3 punti in 4 trasferte ha nettamente migliorato il rendimento esterno: ma dovrà risolvere la difficoltà a vincere in casa

3598
Federico Santini Genoa Preziosi
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa raccoglie un buon punto in quel di Lecce. Vincere sarebbe stato meglio, ovvio, ma un pareggio in trasferta è sempre buono. Il Grifone inoltre tiene un piede avanti negli scontri diretti con i salentini in caso di vittoria interna al ritorno.

Thiago Motta con 3 punti in 4 trasferte (e qualche rammarico) ha nettamente migliorato il rendimento esterno della squadra. Andreazzoli tra le due a Roma, Parma e Cagliari aveva raccolto solo 1 punto.

La difficoltà a vincere in casa sta invece tagliando le ali del Grifone.

Ora sotto con il derby, contro una squadra rivitalizzata dalla cura Ranieri. Il Genoa dovrà buttarla sul cuore e sulla lotta perché arriverà al derby sfavorito e senza attacco, viste le assenze di Kouamè, Pandev, Agudelo e Zapata.

Ieri nel secondo tempo un Ballardini qualunque avrebbe tolto Pajac e Agudelo, ammoniti, per mettere Radovanovic e Ankersen a difendere. E probabilmente avrebbe portato a casa i 3 punti.

Thiago Motta cerca sempre di giocarsi la partita: Chissà che non azzardi una coppia offensiva Pinamonti-Favilli, con il primo a svariare e il secondo in area a lottare. Singolarmente hanno le polveri bagnate, chissà che insieme non possano aiutarsi a segnare.

Sarà una settimana e un sabato di sofferenza per i Genoani.

Chi non ama il Genoa si faccia da parte.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.