L’eredità sportiva di Ballardini: 63,86% di gare con punti

Il mister di Ravenna chiude la sua terza esperienza al Genoa con una media di 1,714 punti a partita

897
Mister Davide Ballardini (Photo by Dino Panato/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un esonero a ciel sereno: si può parafrasare così il “calcio nel deretano” rifilato da Enrico Preziosi a Davide Ballardini per colui che da qualche ora è l’ex tecnico del Genoa. Il mister ravennate, diventato “zio Balla” nel cuore dei tifosi, lascia una pesante eredità al suo successore; numeri da capogiro come non si vedevano da tante stagioni: 12 punti in sette gare disputate, frutto di 4 vittorie senza pareggi all’attivo.

Dal campionato 2010/11 la miglior prestazione iniziale del Genoa era stata quella della stagione 2016/17, con Ivan Juric in panchina, quando il Grifone aveva accantonato 11 punti. La peggiore, invece, risale alla scorsa stagione agonistica, sempre Ivan Juric in panchina, con 2 punti totalizzati.

Sette gare all’attivo e 12 punti conquistati: Davide Ballardini lascia il Grifone con una media di 1,714 punti a match disputato, al pari di Milan e peggio di Roma e Sampdoria (1,750), di Lazio (1,875), di Inter (2,000), di Napoli (2,250) e di Juventus (3,000). Senza dimenticare che nel “palmares” di inizio stagione c’è anche un Piatek in vetta alla classifica cannonieri.

Davide Ballardini chiude la terza esperienza col club calcistico più antico d’Italia fermandosi ad 83 presenze totali, tra campionato (78) e Coppa Italia (5), che gli valgono l’undicesima posizione nella graduatoria dei 79 allenatori transitati sulla panchina del Genoa.

63,86 è la percentuale di gare finite con punti a favore del Genoa, tra vittorie e pareggi, che attestano Davide Ballardini al 42esimo posto tra gli allenatori “all time”, mentre considerando solo i match vinti (pari al 38,55%) “zio Balla” balza alla 23esima posizione nella classifica di tutti i mister rossoblù. Meglio di lui, tra gli allenatori attualmente in attività, solo Gian Piero Gasperini (41,08% di gare vittoriose).

Il neo mister Ivan Juric, fermo a 48 panchine, avrà il suo bel daffare per migliorare i dati sin qui passati in archivio: 47,92% di gare positive (25,00% le vittorie, 22,92% le sconfitte) contro il 52,08% di match terminati con la sconfitta del Grifone.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.