Izzo e Laxalt nella top-15 per palloni recuperati

Le statistiche della Lega di A riferiscono che il difensore ex Avellino e l'esterno ex Bologna sono stati fondamentali nella fase di interdizione

26
Armando Izzo in volo (Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Finito il campionato, è tempo di tirare le somme. E se la salvezza del Genoa alla fine è stata portata a casa, le statistiche rendono ora omaggio ai singoli in virtù di vari parametri presi in considerazione. Se ad esempio si scorre la top-15 dei giocatori che hanno recuperato più palloni in Serie A, Armando Izzo si trova al decimo posto e Diego Laxalt in quattordicesima casella.

Si tratta di un dato importante per vari fattori: intanto va detto che tra i 115 recuperi dei difensore campano c’è da ricordare come il ragazzo abbia saltato le ultime 7 partite a causa della squalifica comminatagli dal giudice sportivo. Senza tale stop forzato, probabilmente l’ex Avellino sarebbe rimasto ai vertici della classifica. E il semplice fatto che sebbene quanto detto risulti comunque nella top-10, è emblematico per quel che concerne il suo valore: Armando è un pilastro del Genoa, nonché il prototipo di difensore moderno. E non per caso è stato convocato in Nazionale. L’uruguagio invece ha recuperato 109 palloni, frutto di un instancabile lavoro in entrambe le fasi. Non solo Diego si propone a livello offensivo mettendosi in luce con varie sgroppate, ma fornisce un preziosissimo contributo anche in ripiegamento aiutando così i compagni a compattare ulteriormente la retroguardia rossoblù. La sua rapidità e le sue accelerazioni sono state elementi decisivi per il Genoa in questa stagione, nonché due delle armi più taglienti di cui il ct uruguaiano Tabárez può disporre nella sua faretra.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.