Tuttosport, Sturaro: “Volevo tornare al Genoa perché sono genoano”

Il sanremese in gol dopo 1' 33' dal suo ingresso in campo

2405
Sturaro Pellegri
Marco Pellegri e Stefano Sturaro (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Centosettantotto giorni lontano dalle partite, la cessione allo Sporting Lisbona l’estate scorsa e il rientro a Torino senza esser mai sceso in campo. Poi il trasferimento, a Genova, a casa, in prestito prima e da febbraio a titolo definitivo previa corresponsione di 18 milioni. Una plusvalenza di 12,9 milioni per la Juventus, con cui Sturaro ha militato per tre stagioni, anni sfarzosi contornati da scudetti, Coppe Italia e notti di  Champions League. Poi a volte però il destino gioca scherzi strani, difficili persino da immaginare: “Di quello che mi è successo mi sono reso conto solo qualche minuto dopo, è stato un anno difficile per me e non potevo avere un regalo migliore. Nella mia esultanza c’è stata tutta la sofferenza di questo anno. Il gol sotto la Nord, poi, è stata un’emozione grande. Da bambino ero lì, ritrovarmi sotto ad esultare per una rete così importante è stata una gioia incredibile. Non ho neanche pensato a quello che dovevo e che non dovevo fare, con grande rispetto verso la mia ex squadra, ma io ora sono del Genoa e darò tutto per il Genoa. In quel momento Perin, l’avversario, non esisteva. Volevo solo calciare. Poi, finita la partita amici come prima”.

Lo stesso Massimiliano Allegri – afferma l’edizione odierna di Tuttosport – s’è complimentato col suo ex centrocampista (“Sono contento per la gioia personale di Sturaro, ha sofferto tanto negli ultimi mesi”), che dopo un minuto e trentatré secondi dal suo ingresso in campo – al posto del serbo Lazovic- ha segnato il gol che ha aperto la strada alla vittoria del Genoa: “Volevo tornare al Genoa perché sono genoano, mi sono preparato e in settimana sapevo che avrei avuto qualche piccolissima possibilità di fare uno scampolo di partita. Poi è stato tutto un sogno, sono tre punti conquistati contro la squadra più forte di tutte e valgono in doppio. Questa vittoria è importantissima per classifica, morale e consapevolezza”. Poi, però, un minimo pensiero alla sua, ex, Vecchia Signora: “Spero vinca la Champions, la rimonta contro l’Atletico Madrid è stata speciale e, assieme ai tifosi, possono togliersi ottime soddisfazioni”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.