Juric studia le ali di Lapadula

C'è abbondanza sulle corsie del Genoa: ogni settimana mister Juric dovrà scegliere la coppia titolare nella batteria dei sei attaccanti laterali

35
La tipica posa di mister Juric in allenamento (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il centrosinistra con Palladino, Salcedo e Taarabt. Il centrodestra con Ricci, Centurion e Pandev. I due rami del parlamento genoano sono così composti. Juric ha a disposizione tre potenziali coppie di laterali d’attacco da affiancare a Lapadula, un’abbondanza che necessità una costante lucidità mentale nelle scelte. Ci vorrà del tempo, prove su prove, per pescare sempre il meglio da questa batteria offensiva. Il tecnico di Spalato li sta studiando tutti e sei, soppesando pregi, difetti e margini di miglioramento.

La scelta di mister Juric sarà di volta in volta influenzata anche dalla coppia titolare di laterali di centrocampo, Lazovic-Laxalt. A destra sarà scelto un attaccante capace di accentrarsi creando lo spazio per il cross in favore dell’ex capitano della Stella Rossa, a sinistra invece è ipotizzabile un giocatore capace di esaltare le corse in profondità del trecciato uruguagio. Le identikit, a rigore di logica, corrispondono a Ricci e Taarabt, non a caso i più accreditati per una maglia da titolare a Udine.

Goran Pandev, titolare contro Sassuolo e Juventus, difficilmente partira dall’inizio a Udine dopo gli sforzi con la Nazionale e con un solo allenamento da svolgere (oggi, porte chiuse) prima della rifinitura. Il macedone sarà utile a gara in corso poiché ha la capacità di spostare gli equilibri con le sue giocate tra le linee. Eddie Salcedo sta affrontando un tirocinio anticipato che gli insegnerà una cosa importante: meno banalità e più concretezza, è il calcio. Si allenerà costantemente con la prima squadra, ci vorrà ancora qualche settimana prima di vederlo protagonista nei ballottaggi a sinistra.

Per Centurion valgono le parole di Juric: parte come riserva nonostante sia campione d’Argentina con il Boca, dovrà sudarsi un posto fisso. Palladino, infine, sarà importante tanto in campo quanto nello spogliatoio: conosce il Genoa e può insegnare i valori della genoanità agli ultimi arrivati agevolando così il lavoro di mister Juric.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.