Tuttosport, il Genoa valuta l’acquisto del Ferraris

Il costo dell'operazione si aggira tra gli 8 e i 10 milioni, coinvolta pure la Sampdoria

78
Ferraris Marassi stadio Genova Genoa
Stadio Luigi Ferraris
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Massimo Ferrero, l’istrionico presidente della Sampdoria, pare essersi invaghito del J-Hotel, la struttura alberghiera interamente brandizzata Juventus, così da volerne una tutta sua, ovviamente blucerchiata, magari nella Bogliasco dove il nuovo Mugnaini sta sorgendo sempre con la spinta del produttore cinematografico. Il terzo grande progetto in mente, scrive stamani Tuttosport, è l’acquisizione del Luigi Ferraris in concomitanza col Genoa: nelle scorse ore c’è infatti da segnalare come il patron del Grifone, Enrico Preziosi, si trovasse a Genova per incontrare il sindaco del capoluogo ligure, Marco Bucci, nella speranza di aprire la strada alla cessione dello storico impianto. “Sono ottimista” sarebbe trapelato alla fine del meeting.

Il bando ufficiale sarà pubblicato entro la fine dell’estate e sia Genoa che Sampdoria sono pronti a pubblicare la loro offerta. La valutazione fatta dalle società non si muove oltre i 6/7 milioni, per il Comune si superano i 10 ma la sensazione è che come in ogni tira e molla ci si fermerà tra gli 8 e i 10. Nel caso in cui non vi fossero enti terzi interessati, continua il quotidiano sportivo torinese, il bando si risolverà poi in una pura formalità: c’è però da asserire come all’importo investito nell’acquisto della struttura debbano sommarsi i costi di ristrutturazione che vedranno il Ferraris protagonista. In soldoni, 30 milioni circa investiti nell’ammodernamento dello stadio, lavori che dureranno due anni così da permetter nel frattempo l’utilizzo del colosso genovese: tra le opere eseguite verranno smantellate due gabbie nel settore ospiti e sarà creato un terzo spogliatoio per le squadre in trasferta (così da poter personalizzare gli altri due, uno coi colori sociali rossoblù, l’altro blucerchiati). Un profondo restyling a quasi trent’anni da Italia ’90, il Mondiale delle “Notti Magiche”, evento per cui il Luigi Ferraris fu totalmente ricostruito.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.