Tuttosport: Genoa, occhio a Kalinic e all’ex Suso

Il croato non segna dal 3 dicembre ed è apparso in calo, lo spagnolo sarà titolare con Calhanoglu

81
Suso Genoa
Suso (Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

I rossoneri vogliono puntare alla zona Champions e ripartire dopo la scoppola rimediata in casa, in Europa League contro l’Arsenal corsaro a San Siro. I rossoblù vorranno far bella figura davanti al loro pubblico, al Ferraris, dove nelle ultime quattro partite ci sono state tre vittorie, ultima tra le quali quella che ha visto l’altra squadra di Milano (l’Inter) tornarsene in Lombardia col mal di testa. L’ex Suso e Hakan Calhanoglu saranno le ali che Gennaro Gattuso proverà a spiegare per far volare la sua creatura, un Diavolo che prima del crollo di giovedì aveva messo a segno 13 risultati utili di fila. “Contro il Genoa saremo pronti a fare battaglia”, ripete imperterrito Ringhio, all’infinito, intenzionato a svoltare immediatamente partendo proprio dal Ferraris.

Un giro di boa che servirà per mostrare che il Milan atterrito dall’Arsenal è stata solo una sporadica apparizione, scrive stamani Tuttosport, segnalando peraltro come la punta titolare meneghina non sarà Cutrone bensì Kalinic: il croato ha giocato solo una delle ultime undici gare e non segna dal 3 dicembre. Arrivato da titolare, il suo rendimento non ha finora giustificato l’enormità investita dalla dirigenza del Milan in estate (25 milioni, sempre meno dei 38 sborsati per portar via il portoghese André Silva da Oporto). La forma fisica dell’ex attaccante del Dnipro non è delle migliori, basti pensare ai recenti forfait dell’ultimo minuto causati dalla pubalgia, ma alle 18 dovrebbe essere in campo per dimostrare le sue qualità. L’insidiosa trasferta di Genova sarà un banco di prova anche per lui.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.