Tuttosport, Cairo: “Nel 2015 ho pensato a Gasperini per la panchina del Torino”

Il presidente granata racconta il retroscena: "Ma Preziosi non lo liberò"

64
Gian Piero Gasperini (Foto Marco Luzzani/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Urbano Cairo racconta a Xavier Jacobelli, su Tuttosport, un retroscena riguardante il suo interesse per Gian Piero Gasperini. Il presidente del Torino conferma: “Non sbagli, ma Gasperini era vincolato da un altro anno di contratto”. Siamo nell’infuocata estate della 2015, quella del sesto posto per il Grifone e dell’esclusione dall’Europa League a causa del mancato possesso della licenza Uefa. Cairo racconta: “Il 4 giugno di quell’anno Ventura viene da me e mi dice che non intende continuare a guidare la squadra perché si sente stanco e terribilmente spremuto dalla quarta stagione consecutiva alla guida del Toro”. Il numero uno granata prende tempo e intanto pensa a un’alternativa, nel caso di addio del suo allenatore. “E’ l’alternativa è Gasperini: lui è entusiasta, ha una sola remora. Teme che i nove anni juventini possano condizionare l’opinione di una parte della tifoseria. Gli dico che il suo valore assoluto convincerà anche i più scettici” spiega Cairo. Alla fine, però, non se ne fece nulla: “Ma Preziosi non lo libera” e Ventura volle restare sotto la Mole. L’anno dopo Gasperini andò all’Atalanta.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.