Tuttosport, Bertolacci: “Grazie Gasp, ma con Balla siamo una squadra”

Il centrocampista ha ricordato i fasti del 2015 soffermandosi poi sulla forza ritrovata col nuovo allenatore

77
Bertolacci
Bertolacci esce dal tackle di Kessie durante Milan-Genoa del 2017 (foto di Tanopress - Genoa cfc)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Genoa-Atalanta sarà principalmente Ballardini versus Gasperini, duello di cuore rossoblù nel teatro del Luigi Ferraris. Per Andrea Bertolacci, come segnala questa mattina Tuttosport, sarà una partita speciale: una sfida al suo mentore, il mister che ne fece il giocatore che è oggi. Era il 2014-15, annus mirabilis del Grifone culminato con sesto posto ed Europa League: grazie al tecnico di Grugliasco, Bertolacci conquistò una poltrona da inamovibile in cabina di regia tale per cui l’anno dopo sarebbe stato prepotentemente cercato e acquistato dal Milan. Un salto che oggi è stato compiuto in direzione opposta, già che il centrocampista romano è tornato sui suoi passi per rivivere quella magia che oggi sembra svanita.

Lunedì sera, a Genova, tornerà Gian Piero Gasperini. Lo farà da tecnico dell’Atalanta, squadra che oggi vola in giro per l’Europa con ottimi risultati e che certamente non farà sconti. Lo sa bene Bertolacci, che se da un lato deve ringraziare Gasp per la crescita dall’altro fa lo stesso con Ballardini: il mister ravennate lo valorizzò al meglio nella comune presenza in Liguria nel 2013, e ora ch’è tornato è riuscito a rivitalizzare la squadra dopo la gestione Juric. “Tutti e due sono stati molto importanti – giura Bertolacci, ieri in visita ai piccoli pazienti dell’ospedale genovese Gaslini – hanno due idee di gioco diverse ma che mi hanno insegnato molto”. Già, perché la rinascita rossoblù firmata Ballardini è sotto gli occhi di tutti: 7 punti in 3 partite, vinti due delicati scontri diretti in casa di Crotone e Verona, preziosissimo pari casalingo con la Roma. “Non so se abbia schiacciato un interruttore, però ci ha dato più determinazione e ora siamo più squadra”. E allora occhio Gasp, perché a Genova potrebbero confezionarti un tranello.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.