Scudetto 1914-15: l’avvocato Mignogna presenta un nuovo dossier in Figc

Nei documenti si proverebbe che il 22 maggio 1915 vi sia stata la riunione d'urgenza della Figc e sia stato impossibile che il giorno dopo sia stata rigiocata Internazionale Napoli-Naples

53
Il Genoa trionfatore nel derby contro l'Andrea Doria nel 1915
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Prosegue la questione dell’assegnazione ex aequo del campionato 1914-1915 a Lazio e Genoa. In risposta agli atti prodotti dalla Fondazione Genoa, scrive oggi Il Tempo, ieri è stato presentato in Figc un dossier integrativo da parte dall’avvocato Gianluca Mignogna per provare come il 22 maggio 1915 vi sia stata la riunione d’urgenza della Figc. Al termine di essa, sarebbe stata decisa la sospensione di ogni match in seguito alla mobilitazione generale per l’entrata in guerra dell’Italia contro l’Impero austro-ungarico: secondo Mignogna sarebbe impossibile che il 23 maggio (come affermato dagli storici genoani) sia stato ridisputato il match di ritorno del girone campano Internazionale Napoli-Naples, annullata in precedenza per irregolarità di tesseramento di alcuni giocatori. Il legale ha raccolto oltre 33mila firme a sostegno di una petizione presentata lo scorso anno alla Figc per assegnare lo scudetto 1914-15 a pari merito alle due società. Ipotesi mai accettata dalla Fondazione Genoa, con questo nuovo dossier che annuncia nuove importanti battaglie a livello legale.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.