Ritratto di Rodriguez, ultima scommessa del Joker

Trequartista classe '96, ma all'occorrenza pure falso nueve, è considerato un craque molto promettente: proviene dal Banfield, come il Cholito Simeone

58
Thomas Rodriguez, Banfield (www.ole.com.ar)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Thomas Rodriguez, scrive stamani La Repubblica – Genova, ha tutto per esser il nuovo Simeone. E no, non è un attaccante fisico e potente come il Cholito, ma questo classe 1996 di Santiago de Chile preferisce agire qualche metro più dietro, da trequartista, creando scompiglio tra le linee avversarie e fungendo grossomodo da collante tra i reparti di centrocampo e attacco.
Insomma, un alter ego di quel ruolo ibrido nel quale Ivan Juric ha adattato (con successo) Luca Rigoni nell’ultima stagione: non inganni tuttavia il luogo di nascita, perché Rodriguez è argentino come il padre Leo, ex meteora dell’Atalanta. I 183 centimetri di Thomas, cresciuto nel Banfield così come il Cholito, lo rendono un profilo estremamente fisico in grado però di sfruttare anche la sua velocità: al pari di Gio, o almeno questa è la speranza di Preziosi, ha tutto per imporsi nel nostro campionato.

Una scommessa, l’ennesima, da parte di un Joker che spesso e volentieri negli anni si è reso protagonista di colpi a sorpresa (non tutti riusciti, ma questo è il calciomercato): nel Banfield Thomas era la riserva di Mauricio Sperduti, ex Palermo, ma si è comunque ritagliato uno spazio di 19 presenze spalmate in 158 minuti di Primera Division argentina. Nel 4-2-3-1 di Falcioni, in cui il quotidiano genovese segnala pure la presenza di quell’Emanuel Cecchini prossimo a vestirsi di rossoblù, ecco che Rodriguez era poi utilizzato come alternativa più mobile del puntero Dario Cvitanich. Pure falso nueve quindi, questo 21enne pagato circa 500mila euro più una percentuale del 15% da pagare al Banfield in caso di una sua rivendita. Questo perché su El Thomy evidentemente puntavano forte pure in Argentina, vista anche la clausola rescissoria di 7 milioni: era vicino all’Atalanta, ora potrebbe fare il suo primo assaggio di Serie A nella città più xeneise di tutte.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.