Juric pretende un Genoa cattivo contro l’Udinese

Dopo i complimenti ricevuti per le performances contro Sassuolo e Juventus, è il momento di fare punti

53
Ivan Juric
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Non solo ha chiesto ai suoi di continuare a giocar bene, ma ha pure fatto appello affinché siano più cinici, tosti e rabbiosi. Cattivi, detto in una parola. Non ha usato mezzi termini Ivan Juric per descrivere la partita alla quale i suoi rossoblù sono chiamati oggi alla Dacia Arena: salvo condizioni meteo avverse, si giocherà. Le basi ci sono, l’ha ricordato più volte Juric, resta soltanto da fare il salto di qualità. Contro Sassuolo e Juventus sono stati sprecati molti complimenti in direzione del suo Grifo, ma il solo punto ottenuto obbliga a ricercare un calcio più pragmatico e meno estetico.

Concretezza, quella necessaria per contrastare la fisicità di una compagine qual è quella friulana, quella che Juric si augura possa illuminare la partita di Lapaula. Il bomber è chiamato all’esordio, anche se non in forma fisica perfetta, e con Ricci inizialmente in panchina sarà supportato dal duo Pandev-Taarabt. Sono state due settimane, segnala Tuttosport, in cui il lavoro settimanale portato avanti a Pegli ha concesso di recuperare fisicamente quegli elementi carenti sotto questo punto di vista. Ecco perché il recupero di Bertolacci consentirà all’ex Milan di partire dal primo minuto, così come Laxalt pur tornato solo venerdì scorso dagli impegni con la Nazionale. Per ultimo, invece, ecco che Juric ha voluto sottolineare come il suo Grifo non sia minimamente preoccupato dal cambio di proprietà. La testa va esclusivamente alla partita odierna: dalle ore 15 si vedrà.

Ecco la probabile formazione: Perin; Biraschi, Rossettini, Gentiletti; Lazovic, Bertolacci, Veloso, Laxalt; Pandev, Taarabt; Lapadula.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.