Il Giornale P&L, 30mila euro di risarcimento a Milanetto

Errore giudiziario da parte della procura di Cremona: l'ex genoano è innocente

67
Omar Milanetto, ex Genoa (Photo by Roberto Serra/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

E’ stato un inferno. Vedere Omar Milanetto portato via, di notte, come un delinquente, ha certamente sconvolto le fragili emozioni della famiglia, moglie e figli piccolissimi, la cui quotidianità è stata minata dal blitz degli inquirenti col quale l’ex centrocampista del Genoa era stato portato via. Sarebbero stati otto giorni di carcere, ulteriori dieci di arresti domiciliari, con un piccolo particolare: Omar Milanetto è innocente. Ed è per questo che, vista la topica del procuratore di Cremona, che vedeva in lui un perno dell’organizzazione a delinquere finalizzata alla truffa e all’alterazione dei risultati di partite di calcio, ieri è stato emanato il risarcimento da parte dello Stato.

Le uniche prove, rammenta stamani Il Giornale nella sua edizione del Piemonte e della Liguria, erano le calunnie a lui rivolte dai cosiddetti “pentiti”. L’avvocato di Milanetto, Maurizio Mascia, aveva già convinto la Federcalcio ad archiviare tutto sebbene l’oggi talent scout e manager calcistico fosse stato privato della libertà per 18 giorni. Si tratta di 30mila euro, che la Corte d’Appello di Brescia ha quantificato come indennizzo: minimo, visti danno d’immagine, gogna mediatica, perdita del lavoro (fu risolto il contratto allora col Padova, ma l’aiuto del Genoa e del patron Preziosi fu determinante) e danno morale. Altro errore giudiziario della Procura di Cremona, dunque, dopo che Milanetto fu ritenuto immischiato in un tentativo di combine di un derby (quello deciso da Boselli) salvo veder smontate le accuse dalla procura ligure. L’Avvocatura dello Stato sperava di cavarsela con 2065 euro, la corte d’Appello ne ha stabiliti 30mila. A carico dei cittadini.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA NOSTRA INTERVISTA ESCLUSIVA ALL’AVVOCATO DI MILANETTO

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.