Il Genoa riparte con (poco) mercato

Ivan Juric si affida alla vecchia guardia: la leadership di Mattia Perin e la grinta di Luca Rigoni

46
Allenamento in corso al Pio (da genoacfc.it)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Mancano le certezze, al Grifone che ieri s’è radunato nel quartier generale di Pegli per presentarsi poi ai nastri di partenza del ritiro austriaco, del precampionato, e infine della nuova stagione. La Repubblica – Genova riporta questa mattina come ad un’incertezza legata al futuro societario ne corrisponda una anche a livello di organico. I ritmi sono lenti, nel giro di due settimane dovrebbe arrivare il closing oppure la conferma di una permanenza di Preziosi, in sede l’unico a sfidare il caldo è Alessandro Zarbano. Fuori,  tra campo ed esercitazioni tattiche, il volto nuovo (l’unico finora) è quello del bulgaro Galabinov. Ovviamente non basta, l’intera piazza genoana è in attesa e freme per qualche rinforzo in più oltre all’annunciato Zukanovic.

Ci sono assenti giustificati (Zima, Biraschi, Laxalt e Palladino), ci sono reduci della scorsa stagione in chiaroscuro (Lamanna, Gentiletti, Izzo, Veloso, Lazovic, Cofie, Rigoni, Ninkovic), i giovanissimi Pellegri e Salcedo, i prossimi alla cessione Fiamozzi, Rosi e Ujkani. Semmai, l’altro volto mai visto prima è quello di Loïck Landre, tornato dal prestito al Pisa. Dovranno, per lui ma non soltanto, cominciare le necessarie valutazioni: chi resterà deve esser motivato, altrimenti la porta per una cessione sarà sempre aperta.
C’è Simeone, ma continua l’asta tra Torino o Fiorentina o ancora Villarreal, c’è un Pinilla voglioso di trascorrere ancora un anno qui, c’è un Munoz il cui futuro è promiscuo. Ci saranno, forse, Mandragora e Bertolacci (più il primo del secondo) ma è dalle poche certezze che serve basarsi per il futuro. Una di esse è Luca Rigoni, che ha recentemente affermato l’importanza di ripartire nel modo giusto, un’altra è Ivan Juric che da tre giorni a questa parte è il primo ad arrivare al campo. La terza è Mattia Perin, leader dello spogliatoio e rientrante dopo sei mesi di calvario: sarà il futuro capitano, altro segno di quanto sia indispensabile per il Grifone.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.