Il cordoglio del Genoa per la scomparsa di Gino Andreani

Personaggio di spicco nell'ambito della Lega Nazionale Diletttanti nonché grande tifoso del Grifone, aveva 77 anni ed era malato da tempo

50
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il suo nome era molto conosciuto a Genova, non solo nello stretto mondo del Grifone ma pure nel calcio locale: normale che il Genoa abbia voluto stringersi per porgere alla famiglia di Luigi Andreani, ma anche a CRL e LND, le più sentite condoglianze.
“Gino” era stato per più mandati ai vertici del Comitato Regionale Ligure della Lega Nazionale Dilettanti, poi fu vicepresidente vicario sotto la gestione del presidente Sommo. Negli anni ’70 aveva ricevuto dalle mani di Pietro Kessisoglou il Coordinamento dei Club Rossoblù, elemento che mette in luce il suo attivo ruolo recitato all’interno della tifoseria genoana. Non solo rappresentanza, dunque, ma anche la promozione di studi sull’azionariato popolare e il ruolo di responsabile della scuola calcio Genoa sotto la presidenza di Renzo Fossati. Anche Andreani ha contribuito alla scoperta e alla valorizzazione di futuri prospetti del calcio, lavorando assiduamente nella sede di Piazza della Vittoria: inoltre “Gino” frequentava spesso il Ferraris perdendosi raramente qualche partita. Divenne poi commissario tecnico delle rappresentative regionali giovanili in Figc, relazionandosi con ogni società dilettantistica del territorio e dando una forte mano nella risoluzione dei problemi che affliggevano il dilettantismo ligure.
Andreani aveva 77 anni ed era malato da tempo. Domani, mercoledì 2 alle 11:45, vi sarà il suo funerale nella Chiesa di via San Pio X, nel quartiere di Albaro.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.