Genoa rammaricato, ma che bravo Galabinov

Le dichiarazioni e le pagelle di Sassuolo-Genoa riprese da La Gazzetta dello Sport

33
Ivan Juric (Foto Tullio M. Puglia/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Presentatosi in conferenza stampa, ripresa stamani da La Gazzetta dello Sport, Ivan Juric ha tenuto un profilo quasi malinconico. Chiaro che non faccia piacere giocar bene ma non concretizzare, eppure il tecnico croato ha rimpianto un po’ di sfortuna (la traversa di Biraschi) e qualche errore sottoporta. Niente di trascendentale ma comunque buone notizie in vista del Genoa che verrà. In ogni caso resta il rammarico, quello che Juric ha affermato chiaramente dicendo come prestazioni del genere meritino una vittoria. Solo un pizzico di determinazione è mancata al Grifone, perché, come ha ammesso pure il tecnico neroverde Bucchi, i liguri sono stati lasciati liberi di far quel che volevano in campo. E se c’è un campanello d’allarme, il giorno dopo la partita, quello è solamente per il Sassuolo.

Le pagelle riflettono quanto appena detto: il titolo di migliore in campo è conteso tra Consigli (6,5) e Galabinov (6,5), mentre nel Genoa vanno pure sottolineate le prove del neo arrivato Rossettini (6,5) Veloso (6,5) e Laxalt (6,5). In generale una performance sopra la sufficienza per tutti, ad eccezion di Taarabt e Palladino (entrambi 5,5, ma con la scusante che per il marocchino valga una condizione fisica ancora non al top). E per Ivan Juric il voto è un 6.5: la sua partita gestita intelligentemente gli vale un plauso. Per festeggiare la prima vittoria, continuando così, non bisognerà aspettar molto.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.