Genoa, ora è tempo di comprare

Bakayoko resta l'ultima pista fattibile con l'Inter: il Grifone è obbligato ad accollarsi un esubero nerazzurro

59
Lapadula in dribbling (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il grosso delle uscite è stato imbastito: dopo il mega-affare con l’Inter riguardante Pellegri e Salcedo e l’asta riversatasi intorno a Simeone (Fiorentina o Torino?), ora Preziosi starebbe pensando principalmente a rinforzare la squadra. La Repubblica – Genova parla questa mattina di tre acquisti da ufficializzare entro i prossimi dieci giorni, al fine di avere già qualche volto nuovo da portare in ritiro a Neustift. Si può dire che le cessioni siano pressoché finite, mentre ora resta il compito più difficile: sostituire i partiti con giocatori all’altezza. La prossima settimana sarà quella decisiva, perché potrebbero arrivare il sì e la firma di Gianluca Lapadula, l’ariete che prenderebbe il posto di Simeone nello scacchiere di Ivan Juric. L’accordo col Milan sembrerebbe esser stato trovato tra i 10 e gli 11 milioni, mentre resta ancora da sciogliere il nodo-Inter: è noto come nell’affare che ha portato 20 milioni al Grifone per la vendita di Pellegri e Salcedo ci fosse anche l’impegno da parte di Preziosi di acquistare un esubero nerazzurro, ma il rifiuto di Ranocchia e il ritorno a Cagliari di Miangue hanno complicato le cose. Biabiany inoltre non sarebbe convinto, così come nemmeno il Genoa relativamente alle sue condizioni fisiche, e Puscas vorrebbe restare a Benevento. Esaurita questa lista, il nome nuovo potrebbe aver le sembianze di Bakayoko: ala, classe ’98, 11 reti in 34 partite con le giovanili meneghine nella scorsa stagione. Molto meno pronto, certamente più acerbo, resta un punto interrogativo che si spera di risolver presto. E soprattutto, l’interesse del Genoa non sarebbe confermato.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.