Genoa, attenzione a Higuain

All'andata il centravanti argentino entrò sul 3-0 e il suo apporto fu nullo: stavolta sarà in campo dal primo minuto

43
Muñoz prende Higuain (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La matematica informa come conquistare 10 dei 18 punti ancora disponibili possa bastare alla Juventus per vincere uno storico sesto titolo. Non bisogna però ricordarlo ad Allegri, che ha richiamato tutti i giocatori a giocare col sacro fuoco dentro come se fosse una finale. Genoa come il Barça, i rossoblù al pari dei marziani blaugrana. Nel triennio “allegriano”, solo due volte i bianconeri hanno avuto la meglio sul Grifo: il 29 ottobre 2014, in una Genova colpita dall’ennesima sanguinosa alluvione, ci pensò l’angelo del fango Antonini al 94′. Insomma, il Genoa non è mai una contendente semplice. Storicamente la Juve ha sempre avuto non poche difficoltà, a Marassi, contro un undici che raramente si è scansato.

Eppure, una delle armi in canna conservate gelosamente a Vinovo si chiama Gonzalo Higuain: il Pipita, che finora ha segnato 23 reti in campionato, è in una forma strepitosa. Contro il Genoa, una delle sue vittime predilette (già 5 marcature, tutte col Napoli, tutte quando l’argentino giocava in casa) ancor di più. All’andata entrò al minuto 8 della ripresa, col punteggio di 3-0, con la frittata già bella che fatta, con tre punti che già erano volati via. E fece poco, il Pipita, pur contando che quel Genoa è solo una bellissima copia, una seducente ombra della quale ora non si conserva altro che un nostalgico ricordo. L’iniezione di fiducia maturata nel Camp Nou potrebbe aver caricato a mille una squadra già normalmente devastante, ma dinanzi ai catalani Higuain ha combinato ben poco (è normale: i bianconeri hanno pensato in primo luogo a non prenderle). Che voglia subito recuperare con gli interessi? Al campo, stasera, ore 20:45, l’ardua sentenza.

Matteo Albanese

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.