Gazzetta dello Sport, Pellegri al Monaco per 25 milioni

Ieri sera la Juventus s'è defilata e dal Principato ecco l'assegno: previsti 5 milioni di bonus

50
Pellegri in gol (foto di Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

I contatti hanno interessato casa Genoa da mattina a notte fonda, ma è attorno all’ora di cena che l’affare ha subito una svolta: la Juventus ha ufficialmente mollato la presa su Pietro Pellegri. A quel punto è stato facile per il Monaco l’ingresso in corsa nell’affare e la sua successiva definizione, che con un prepotente rilancio che ha fatto crollare il muro rossoblù. Sono 25 i milioni che entreranno nelle casse del Grifone nell’ambito della cessione del sedicenne più pagato di sempre (ma attenta pure al più esoso trasferimento da minorenne,  sulla scia del brasiliano Vinicius passato al Real Madrid per 45 milioni). Un assegno importante, quello arrivato dal Principato, che contiene pure cinque milioni di bonus beffardamente decisivi. Già, perché come riporta La Gazzetta dello Sport in edicola stamani è proprio sul piano degli extra che la Juventus ha deciso di mollare la presa: Marotta e Paratici s’erano fermati a 10 fissi e 10 ripartibili in una quota fissa e un’altra variabile, proposta che non ha convinto però Preziosi, e dunque in serata è arrivato il blitz decisivo che permette a Pellegri l’approdo all’estero.

I bianconeri non hanno tentato il rilancio perdendo la priorità, con l’affare compromesso e con le titubanze del Genoa circa l’inserimento del giovane Caligara nella trattativa. Anche se Pellegri avrebbe preferito restare in Italia, le dinamiche di mercato lo portano oltre la frontiera: nuovo paese, nuova lingua, nuova vita e nuova maglia, al Monaco, dove negli ultimi anni hanno mostrato ottime referenze nella gestione e nel trattamento delle giovani promesse (da Mendy a Mbappé). Contratto quinquennale, da un milione d’euro a salire: oggi Pietro verrà accompagnato dall’agente Riso in Riviera per le consuete visite mediche, poi partirà ufficialmente la nuova avventura di Pellegri.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.