Gazzetta dello Sport, Laxalt: “I risultati portano serenità”

Il match winner dell'Olimpico e del Bentegodi non ha mai perso contro l'Inter al Ferraris

55
Diego Laxalt (Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Diego Laxalt è il principale protagonista degli ultimi due successi, visto che con le sue reti ha deciso nei minuti finali entrambe le gare. Ed è proprio lui a parlare, nelle vesti di testimonial all’incontro coi tifosi presso un supermercato genovese: “I risultati portano serenità, sappiamo che contro l’Inter sarà difficile fare punti ma con positività possiamo provarci”. La fiducia post Olimpico e Bentegodi, scaturita da sei punti arrivati al fotofinish e in entrambe le occasioni grazie al classe ’93 di Montevideo, può far sperare in un colpo grosso ai danni dei nerazzurri di Spalletti. Laxalt, peraltro, al Ferraris ha sempre vinto contro l’Inter: il 23 maggio 2015 era entrato in campo sul 2-2 giusto in tempo per vedere il 3-2 di Kucka, il 20 aprile 2016 visse da titolare l’1-0 di De Maio. Per finire, ecco lo scorso precedente (il 7 maggio 2017): l’uruguagio era squalificato, infatti giocò Beghetto, ma il Genoa vinse comunque grazie al gol di Pandev e al rigore parato da Lamanna a Candreva.

Dati che danno sollievo, quelli riscontrabili ne La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, ma che non devono distogliere lo sguardo da una visione oggettiva dei fatti: al Ferraris, il Genoa ha vinto solo due partite su undici giocate, perdipiù contro Sassuolo e Benevento. Il rendimento casalingo è certamente insoddisfacente, del resto i punti conquistati sono otto in undici gare e non è certamente una marcia da salvezza (solo Verona e Benevento sono riuscite a far peggio). Si attende la prima impresa casalinga, che magari serva per rallentare la marcia dell’undici di Spalletti e rompere anche il tabù Ferraris: Ballardini ci crede, recupera Taarabt e lancia i suoi all’assalto. Solo sabato sera sapremo come andrà.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.