Gazzetta dello Sport, Juric ritorna e sfida i fantasmi di Balla

La tifoseria resta affezionata al tecnico romagnolo

1047
Juric
Fonte: sito ufficiale Genoa CFC
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Se Ivan Juric conosce sufficientemente bene il mondo del calcio, ed è troppo legato a una piazza calorosa come quella genoana, stavolta il mister di Spalato troverà di fronte un nemico già incontrato prima solo in frangenti sfumati. Nell’estate 2016 prese il Grifone dalle mani di Gasperini, riuscendo nei primi mesi ad attirarsi lodi, poi il 10 aprile scorso fece irruzione al Signorini per la gioia dei tifosi che mai avevano troppo apprezzato Andrea Mandorlini. Ieri invece, fuori dalla sala stampa del Signorini di Pegli dove è stato presentato il nuovo tecnico, non sono mancate le dimostrazioni di supporto al precedente allenatore – Davide Ballardini – e conseguentemente critiche al presidente Preziosi.

Una situazione che La Gazzetta dello Sport stamani descrive estranea al nuovo tecnico, che dovrà dunque tirare dalla sua parte una tifoseria al momento molto sorpresa circa l’inatteso avvicendamento. “Ha personalità e carattere” ha detto il dg Perinetti, con Juric che ha fatto capire di voler riportare il Genoa ai tempi della vittoria contro la Juventus per 3-1: il nuovo tecnico conosce l’ambiente, subentra in un gruppo già rodato e ritrova Mimmo Criscito. Dovrà sciogliere il nodo portiere (Marchetti o Radu?) e intanto ha precisato: “So di non essere andato bene l’anno scorso. Non avevo fatto punti, facendo male il mio compito. In questo momento, ribadisco, sono concentrato sulla squadra. Le altre cose non mi interessano e non devono influire sul mio comportamento”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.