Gazzetta dello Sport, il Genoa valuta Pellegri 30 milioni più bonus

Il giovane attaccante rossoblù, recordman, sarebbe ceduto a luglio

81
Pietro Pellegri, genovese e genoano (foto di Tanopress Genoa)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’occasione per parlare di Pietro Pellegri a quattr’occhi col Genoa è arrivata ieri, al margine della partita che ha visto la Juventus imporsi sul Grifone in casa propria, all’Allianz Stadium. Un contatto, un pour parler atto a gettare le basi per una trattativa che si preannuncia caldissima. I bianconeri sono alla porta, intenzionati come vi raccontavamo qualche giorno fa (CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA) a sferrare l’attacco decisivo per portarsi a casa uno dei più promettenti giovani elementi a livello internazionale. E’ stata definita la manovra di una progressiva definizione dell’affare, moto continuo col quale il duo Marotta-Paratici punta a sorpassare l’agguerrita concorrenza sul classe 2001: si parla di Manchester City e Arsenal, ma pure di Inter e Roma restando in Italia.

Il Genoa non avrebbe fatto eccessive pressioni per trattenere Pellegri, da tempo in orbita big, ma allo stesso tempo il dg Perinetti avrebbe sparato ai bianconeri la sua richiesta: 30 milioni più bonus, anche se La Gazzetta dello Sport stamani in edicola riporta come anche con 25 l’affare possa chiudersi. Con la Juventus o altri club, naturalmente, anche se i bianconeri vorrebbero già lavorare in ottica luglio, per non arrivare impreparati: si tratterebbe di un’operazione simile a quella orchestrata col Cagliari per il nordcoreano Han, dunque acquisto immediato e prestito altrove per permettergli di continuare la sua crescita, e andrebbe a consentire il prossimo naturale step per un giovanissimo predestinato. Pietro Pellegri, figlio del team manager rossoblù Marco, ha esordito in Serie A il 22 dicembre 2016 (15 anni e 280 giorni) e il 28 maggio 2017 ha messo a segno la sua prima rete in campionato. In più, il 17 settembre, la sua doppietta al Ferraris contro la Lazio (all’età di 16 anni e 184 giorni) ha scavalcato il record allora vigente, realizzato da Silvio Piola. Ora, per Pellegri, si aprono le porte di una carriera ben più luminescente: lontano da Genova, però.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.