Gazzetta dello Sport: il Genoa torna a vincere e inguaia Rastelli

Juric festeggia, ai sardi non basta il gol dell'ex Pavoletti. Menzione particolare per Taarabt e Galabinov

48
Izzo cintura Taarabt per festeggiare il suo gol a Cagliari (foto di Tanopress Genoa)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Volendo usare un paragone caro al suo tecnico, Ivan Juric, il Genoa heavy metal di ieri ha alzato il volume della sua musica alla Sardegna Arena. Alla fine la festa è stata rossoblù, ma non dei padroni di casa che invece hanno incassato il quarto ko di fila, terzo in casa. Un concerto armonico, diretto da Galabinov, Taarabt e il rientrante Rigoni, musica per le orecchie del Grifone ma fastidio per il Cagliari: forse è per questo che, scrive La Gazzetta dello Sport, si parla già dei vari Oddo, Iachini, Colantuono e Guidolin per prendere in corsa il posto dell’attuale direttore d’orchestra Massimo Rastelli.

Genoa più efficace negli ultimi 16 metri, come auspicato da Juric, Taarabt sugli scudi (gran gol quello del 2-0, triangolazione con Rigoni e destro radente), prova agevolata dall’azione con cui Galabinov segnava l’1-0 dopo soli 7 minuti. Il Cagliari si è potuto consolare solo col ritorno al gol di Pavoletti, ex della sfida e alla prima esultanza dopo quasi un anno di buio: il resto, rigore concesso dal Var e trasformato da Joao Pedro a parte, è tutto un dominio dell’orchestra rossoblù giunta da Genova apposta per mettere i bastoni fra le ruote al Cagliari. E l’atteggiamento propositivo di una squadra tornata a giocar bene, segnala infine la rosea, ha giustamente premiato il Grifone con la prima vittoria in questo campionato.

 

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.