Gazzetta dello Sport: il Genoa infrange il tabù Ferraris

Due legni, salvataggi sulla riga e chances sciupate dal Benevento, ma il Grifone vola finalmente pure in casa

51
La gioia di Lapadula dopo il rigore segnato al Benevento (foto Paolo Rattini/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Basta Gianluca Lapadula, dal dischetto, all’ultimissimo secondo utile, per infrangere un tabù pesante come un macigno. Il Genoa c’è, batte il Benevento, scaccia le Streghe dalla Liguria e soprattutto festeggia i primi tre punti in casa propria, al Ferraris, là dove sole due altre partite in tutto il 2017 hanno visto il Grifone uscir vincitore (contro Inter e Torino, scorsa stagione). Il numero 10 entra dalla panchina, mette in campo carattere e freddezza e, scrive La Gazzetta dello Sport, si prende la briga di calciare un rigore fondamentale. Così come contro la Roma, la personalità di Lapadula dagli undici metri porta punti: quattro, perché se contro i giallorossi era in ballo il pari ieri ci si giocava la vittoria contro una diretta concorrente. Conquistatosi quel rigore al 92′, approfittando di un’ingenua uscita di Belec, l’italo-peruviano ha guidato il Genoa verso la luce in fondo al tunnel.

Il Benevento visto ieri a Marassi ha giocato una buona gara, approfittando di un Ballardini prudente (fiducia a Taarabt-Pandev): avrebbero potuto vincere gli Stregoni, perché prima Puscas ha alzato alle stelle un assist geniale di Ciciretti, poi Lombardi ha beffato Izzo lasciando a Chibsah la palla-gol. Niente da fare, perché il muro eretto da un monumentale Perin, eventualmente con l’aiuto decisivo di Laxalt, ha retto. Da lì è uscito il Genoa, che nell’assedio finale ha colpito un palo con Pandev e una traversa con Rigoni. Due salvataggi sulla linea di Lucioni avevano sbarrato la strada a Bertolacci e Lapadula, prima che quest’ultimo decidesse di imprimere la sua firma sulla prima vittoria casalinga stagionale del Genoa di Ballardini. Che ora, così come i giocatori, potrà festeggiare un Natale virtualmente salvo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.