Gazzetta dello Sport, entra nel vivo il mercato del Genoa

Bessa è a un passo, superata la concorrenza della Sampdoria. E Callegari vicinissimo...

44
Daniel Bessa, Hellas Verona (Foto Marco Luzzani/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La fibrillazione degli ultimi giorni sta prendendo il sopravvento in una piazza che fino a oggi è stata fin troppo tranquilla, almeno per i suoi normali standard. C’è da dire che la sessione tradizionalmente preferita da Enrico Preziosi per fare affari sia quella invernale, ma in questo freddo periodo dell’anno i colpi del Grifone erano fin qui parzialmente mancati: qualche aggiustamento, Rossi anzitempo e Medeiros e Pereira ufficializzati da poco, ma mancava ancora il la. E’ arrivato nella giornata di ieri il colpo, dato che La Gazzetta dello Sport segnala come i rossoblù abbiano in mano l’italo-brasiliano Daniel Bessa. E non c’è solo il centrocampista del Verona (piacciono pure i polacchi Wieteska e Zurkowski), perché Callegari è già in dirittura d’arrivo dopo l’accordo trovato col PSG.

Risolutore, per l’approdo di Bessa sotto la Lanterna, l’incontro di ieri tra il dg genoano Perinetti e la dirigenza dell’Hellas Verona: accelerazione prepotente da parte del Grifone per scritturare le prestazioni di uno dei più contesi calciatori del mercato. Scuola Inter, il classe ’93 di San Paolo era pure sondato dal Cagliari e leggermente indietro era seguito dalla Sampdoria. Restano da sistemare alcuni dettagli, ma la preferenza del calciatore sarà decisiva: in tal caso, alla corte di Ballardini, potrà dimostrare le qualità che il Verona non sembra intenzionato a confermare sebbene un rinnovo fino al 2021 e una clausola rescissoria di 14 milioni. A portare alla rottura col club i rapporti ormai deteriorati col tecnico Pecchia, dopo il passaggio al 4-4-2 che ha determinato l’esclusione di Bessa, uno dei principali protagonisti della promozione in Serie A e trovatosi ingabbiato in uno schema che non ne prevedeva l’utilizzo. Trequartista, fantasista, il ds Setti se ne libererà a malincuore e cercherà di monetizzare il più possibile: vedremo fino a dove si spingerà il Grifone…

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.