Gazzetta dello Sport: Ballardini ha frenato la Samp col rombo

Spolli, Biraschi, Zukanovic e Bertolacci/Cofie: così il mister rossoblù ha blindato il Genoa

65
Davide Ballardini durante Genoa-Torino (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

In una sfida caratterizzata da ritmo e intensità, pochi spazi e molto traffico, in tutto il rettangolo di gioco ma in particolar modo nella zona nevralgica del campo, c’è una mossa in particolare che ha consentito a mister Ballardini di blindare la retroguardia del suo Genoa. E’ l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport a evidenziarla, partendo dal presupposto che la Sampdoria volesse vincere questo derby. Quando l’intensità dei contrasti blucerchiati è aumentata, e con essa pure la pericolosità degli attaccanti di Marco Giampaolo, allora il sistema prediletto per trovare varchi nella maglia rossoblù è stata la ricerca di un ricamo, un’intuizione, un guizzo in accelerazione che consentisse di oltrepassare il muro eretto davanti a Perin.

Ballardini, per evitare di capitombolare proprio nella sfida più importante della stagione, ha dunque varato una sorta di rombo rovesciato che ha avuto il merito di minimizzare i pericoli dalle parti di Perin. Tutto è dipeso dalla posizione in campo di Nicolás Spolli, staccato rispetto a Biraschi (che agiva a destra) e il dirimpettaio Zukanovic relegato a metà tra il centro e la corsia mancina. L’asse si componeva poi di un mediano, ruolo che per un certo punto ha coinvolto Bertolacci ma che con l’ingresso in campo di Cofie ha visto nel ghanese un ottimo interprete. Così la sostituzione di Pandev col mediano prodotto dal vivaio ha da un lato permesso all’ex Milan di alzarsi per rifornire Lapadula, dall’altro ha compattato ancor di più il rombo. Più fisicità, tradotta in una copertura pressoché perfetta a Caprari. Tre attaccanti per due difensori, esigenza di non perdere superiorità e coprirsi anche in caso d’inserimenti da parte delle due mezzali blucerchiate, Praet e Linetty. I duelli uno contro uno sono stati svolti bene, eccezion fatta per alcuni strappi di Torreira, il Genoa è stato schiacciato ma non sconfitto. Così Ballardini ha pareggiato la sua quarta stracittadina.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.