Ecco Centurion, il Grifo sogna in grande

L'acquisto dell'argentino, riporta la Gazzetta dello Sport, è molto apprezzato da Juric: con qualche prossimo colpo, il Genoa 2017/18 potrà disporre di un'ottima rosa

53
Centurion
Ricardo Centurion in azione col Genoa (Foto Marco Luzzani/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Quando Ivan Juric si è accorto che l’amichevole contro il Goztepe era a serio rischio (e sarebbe poi saltata del tutto),  nella testa del tecnico croato è uscita l’intuizione: perché assistere ad una partitella in famiglia, quando magari ci sarebbe stata la chance di incontrare l’ancora patron Preziosi a Milano?
Ecco perché, come riporta questa mattina La Gazzetta dello Sport, Juric si è recato nel capoluogo lombardo per dare man forte a Preziosi nelle trattative con Ricardo Centurion e Thomas Rodriguez: il primo arriverà a titolo definitivo dal San Paolo dopo il prestito al Boca Juniors, ed è stato richiesto espressamente dal tecnico che ora sarebbe raggiante per il buon esito di un’operazione costata 6 milioni di dollari (poco più di 5, di euro). Se le 12 presenze nel Genoa 2013/14 targato Gasperini non avevano particolarmente convinto, ora El Wachiturro può davvero esplodere. Quanto a Rodriguez, si tratta del classico potenziale crack argentino pronto a far bene: 500mila euro per lui sono una scommessa potenzialmente vinta.

Tutto questo anche per l’eccezionale sintonia in sede di calciomercato, con Juric e Preziosi in strettissimo contatto al fine di metter su una roda qualitativamente adatta alle esigenze del mister: gli altri obiettivi sono sulla strada di un graduale rafforzamento (Goldaniga dietro, Ristovski sull’esterno, Radovanovic in mezzo), mentre il blocco di giocatori confermati sta impressionando positivamente. Nel 3-2 tra Genoa A e Genoa B ha fatto bene Simeone, autore di un gol, ma anche Bertolacci e Ninkovic hanno brillato con spunti e giocate interessanti. Gakpé è stato provato da esterno destro di centrocampo, mentre sul fronte societario si registra una frenata dovuta alla fuga di notizie ma niente di imprescindibile. Di certo il limite fissato da Gallazzi è il 31 luglio, dopodiché si saprà il buon esito o meno della trattativa.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.