E’ pronto un piano dei soci genovesi per il risanamento del Genoa

La cordata presenterà a Preziosi le strategie per ridurre il debito. In attesa di ciò, il calciomercato in entrata sarà fatto prevalentemente da prestiti

32
Enrico Preziosi (Pier Marco Tacca/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Inutile girarci intorno, la vicenda clou di quest’estate sarà la cessione del Genoa (fatta o meno che sia). Stando a quanto riportato da La Repubblica – Genova, non essendovi più acquirenti interessati alla società o essendosi ritirati tutti preventivamente, Enrico Preziosi potrebbe coprirsi con l’ingresso nel club di un altro socio. Sarebbe certamente una situazione atta a sanare parzialmente il debito che è presente nelle finanze del Grifone e dare solidità in vista di un futuro incerto. L’assetto sportivo del Genoa non deve più esser in discussione, ma per farlo serve liquidità che al momento Preziosi non intende investire: ecco perché il quotidiano vede come unica chance rimasta l’ingresso di alcuni soci genovesi che dovrebbero presentare al presidente rossoblù un piano strategico per tentare di azzerare il debito nel corso dei prossimi anni e costruire una squadra con un organico di alto livello. La cordata potrebbe uscire presto allo scoperto. L’altro obiettivo sarebbe poi quello di acquistare ad esempio Villa Rostan e il Museo al Porto Antico, per i quali si pagano cifre notevoli per l’affitto.

Sul fronte calciomercato, il tifo rossoblù teme di salutare anche l’ultimissima bandiera. Mattia Perin, promesso sposo al Milan, per il quale le cifre sono le stesse di ieri: 7 milioni ora, 8 legati ai bonus. Si arriverebbe a 15, difficile che il Genoa possa rifiutare una simile offerta vista la situazione economica in cui si trova (ma anche Napoli e Inter sarebbero sulle tracce del portiere). In entrata, si vedono all’orizzonte tanti prestiti: per Mandragora e Ganz sembra tutto fatto con la Juventus, è nuova la suggestione Bertolacci dopo due anni bui in rossonero e l’operazione sarebbe slegata a Perin. Chiaro che si tratti di una strategia d’emergenza e priva di un futuro a breve raggio.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.