Corriere dello Sport, quante storie in Lazio-Genoa

Immobile contro il suo passato, Bertolacci e il cognato Murgia, l'ex Ballardini ultimo tecnico ad allenare Inzaghi

68
Ciro Immobile zittisce i genoani a San Siro (Photo by Claudio Villa/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ciro Immobile ha già segnato 6 gol in carriera al Genoa, ha da “vendicare” le panchine con Ballardini nel 2013 e certamente vorrà lanciare la sua Lazio questa sera all’Olimpico. Capocannoniere della Serie A con 20 gol, dovrà peraltro rispondere alla tripletta di Higuain per consolidare ulteriormente il primato e magari garantirsi un piazzamento nella graduatoria per la Scarpa d’Oro, oltre al sogno di un posto Champions per la sua Lazio, dopo aver assaporato le notti d’Europa col Borussia Dortmund. Dopo il Cagliari, poi, il Grifone è la sua vittima preferita: anche nella partita d’andata s’è preso la scena capitalizzando un errore di Gentiletti per ammutolire il Ferraris estasiato dalla doppietta di Pellegri firmandone una pure lui. Quando vede Genova si anima, forse perché è proprio sotto la Lanterna che visse il suo periodo peggiore. Era il 2013, appunto, e con Ballardini in panchina ottenne poco spazio: 33 presenze, sole 5 reti e la difficile concorrenza con Marco Borriello. Pure Inzaghi conserva ricordi con l’attuale mister del Grifone, l’ultimo tecnico a mandarlo in campo (2009/10): “Mi ha allenato, prepara bene le partite e all’Olimpico verrà per fare bella figura”. E pure per Bertolacci, che ritroverà il cognato Murgia con gli occhi di Nicole dalla tribuna, sarà una gara certamente speciale.

Ecco le probabili formazioni ipotizzate dal quotidiano romano:
Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, De Vrij, Wallace; Marusic, Parolo, Leiva, Luis Alberto, Lukaku; Nani, Immobile. All: Inzaghi
Genoa (3-5-2): Perin; Biraschi, Rossettini, Zukanovic; Rosi, Omeonga, Bertolacci, Rigoni, Laxalt; Pandev, Lapadula. All: Ballardini

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.