Corriere dello Sport, Pellegri è il Millennial d’Oro

Pagato più di Cristiano Ronaldo, ma meno di Anthony Martial: il futuro è il suo

116
Pietro Pellegri (Fonte: AS Monaco, sito ufficiale)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Colpo più grosso realizzato in Italia per un ragazzo di sedici anni. Secondo trasferimento più costoso di sempre in quella fascia d’età, preceduto solo da Vinicius pagato 45 milioni per il prossimo trasferimento dal Flamengo al Real Madrid. I milioni con cui il Monaco s’ è presentato a Genova per ritirare Pietro Pellegri sono nemmeno la metà, 21, ma corredati da 4 di bonus già in tasca e un 10% nel caso di un’ulteriore cessione a un prezzo minimo di 40 milioni. E se il giovanissimo attaccante classe 2001 riuscisse a ripetere le prodezze di cui si fece carico un tale Kylian Mbappé, allora probabilmente il Principato si leccherebbe le dita. Costato più di Ronaldo, ma meno di un altro campione passato per il Louis II, tale Anthony Martial che oggi mette le sue qualità al servizio del Manchester United di Mourinho.

Nove presenze in Serie A, tre reti segnate, 17 anni il prossimo 17 marzo. Il Millennial d’Oro, lo definisce stamani il Corriere dello Sport, ragazzo pullulo di record a suo carico quali la maggior precocità mai vista in Serie A e quello tributato al più giovane doppiettista in campionato. E’ tutto scritto nel destino, perché Pellegri ha tutto per far bene e il Monaco lo sa, essendosi spinto a budget di primissimo piano per avere in rosa il futuro gioiello del calcio italiano. “Sono orgoglioso di essere qui, mi è piaciuto subito il progetto che valorizza i giovani – le prime parole del calciatore – lavorerò duro per conquistarmi spazio”. Visite fatte, comunicato pronto e pubblicato sul sito, l’avventura comincia ora.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.