Centurion, l’erede di Baggio pronto a far bene al Genoa

Il 24enne è tornato sui suoi passi: tra un grande talento dentro il campo e altrettanti eccessi fuori, l'ex Boca può riscoprirsi decisivo

53
Centurion
Ricardo Centurion in azione col Genoa (Foto Marco Luzzani/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ad inizio carriera, quando lo si vedeva correre a far bene con la maglia del Racing, faceva entusiasmare la sua torcida con impressionante regolarità. Poi si è perso, addirittura nel 2013/14 ha avuto la grande chance di far bene in Europa uscendone abbastanza ridimensionato, e ora eccolo di nuovo qui in cerca di rilancio. Ricardo Centurion, dopo una parentesi per nulla brillante al San Paolo, ha completato un clamoroso dietrofront accettando la piazza che qualche tempo fa aveva pubblicamente rifiutato. Non solo, perché il 24enne argentino, come riporta stamani La Gazzetta dello Sport, era venuto in Italia per firmare ma poi si era pentito optando per un ritorno al Boca.

Ora che le idee de El Wachiturro paiono irremovibili, tutto va verso la fumata bianca: 3,5 milioni al San Paolo più una percentuale su una futura rivendita, poca roba se si pensa che il suo valore è sostanzialmente rimasto invariato dal 2015, tanta se si considerano gli ampi margini di miglioramento del ragazzo. Che ha una tecnica fuori dal comune, riesce a dare il meglio di sé nel dribbling e sulla sua corsia di competenza è davvero in grado di far saltare il banco. Semmai, è fuori dal prato che non riesce a tener fede alla sua caratura: incidenti, foto nude, risse, denunce per minacce ed aggressione sono sempre stati una costante della sua vita privata. Indisciplinato, spesso descritto come un matto, anche in campo dà fede alla definizione che gli è stata cucita addosso come un vestito pregiato e che porta pur non troppo volentieri, magari: un potenziale craque, “benedetto” anche da Roberto Baggio che ha sottolineato pure come debba migliorare fuori dal campo.
Anche perché le bravate continuano: tornato al Boca Juniors dopo aver cambiato idea, era stato beccato a far serata e dopo essersi rifiutato a conceder una foto il tutto era degenerato in rissa. Niente di grave, ma l’intervento della polizia aveva convinto il Boca ad inserire qualche clausola nel suo contratto. Anti guai, ma non certo anti talento: perché Centurion di quello è pieno, basi pensare al modo con cui ha trascinato gli xeneises al titolo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.