Casarin: “Si è quasi legalizzato il tocco di mano”

"La regola è stata negli anni snaturata, ci sono tante interpretazioni e distinzioni" spiega l'ex arbitro

77
Paolo Casarin e il presidente FigcCarlo Tavecchio (Foto Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’ex arbitro Paolo Casarin, in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, esprime le sue perplessità sull’uso della Var (la moviola in campo) e soprattutto sulla regolamentazione del fallo di mano. Casarin analizza due casi: il primo difficile da valutare, il secondo invece palese. “Ricordate il mani fischiato da Rizzoli in Champions tra Atletico e Barcellona? Una punizione che era rigore. Diversa molto diversa, la questione Zampano in Genoa-Pescara”. Casarin aggiunge su quanto accaduto  domenica scorsa sul perché sia diverso: “Perché la regola è stata negli anni snaturata, si è quasi legalizzato il tocco di mano quando a calcio si gioca con i piedi. Per me sono quasi sempre da punire. E invece sono fiorite interpretazioni e tante distinzioni”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.