Promossi e bocciati: Ghiglione errore da insonnia, si salvano Cassata, Romero e Biraschi

Ghiglione errore da insonnia, si salvano Cassata, Romero e Biraschi. Ectoplasma Sanabria

4184
Genoa formazione derby (Foto genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un altro derby amaro, una sconfitta che non decide solo il predominio cittadino ma fa anche precipitare il Genoa in classifica. Ghiglione commette una leggerezza imperdonabile, ma in tanti fanno male. Si salvano Cassata, Romero e Biraschi. I voti di Pianetagenoa1893.net ai protagonisti del 119^ derby della Lanterna.

Genoa 5

Radu 6 – Non è chiamato a compiere grossi interventi, ma ha il compito – ingrato – di toccare il pallone più amaro della serata, quello scagliato da Gabbiadini all’angolino.

Biraschi 6 – Cuore, corsa e serpentine. Difende e attacca, picchia e viene picchiato. È l’ultimo a mollare, suona la carica con uno slalom gigante non appena il Genoa va sotto. Un lampo di rossoblù in una serata amara.

Romero 6 – El Grinta c’è, gli attaccanti della Sampdoria gli rimbalzano letteralmente addosso, prova a farsi sentire anche in attacco, ma non è lui a dover essere pericoloso nell’area avversaria.

Criscito 5,5 – Il capitano non demerita, ma è quello del pacchetto arretrato che soffre di più le sporadiche sortite offensive dei blucerchiati. (Dal 43′ st Cleonise sv)

Ghiglione 4 – Errore fatale il suo, da matita blu come si usava dire una volta. Dispiace perchè fino a quel momento era stato uno dei più propositivi, da ragazzo cresciuto nel settore giovanile rossoblù questa notte per lui sarà molto lunga.

Schone – Avanzato sulla trequarti non incide, non trova i tempi di gioco né il ritmo giusto.Sta diventando il grande equivoco della stagione genoana. (Dal 20’st Jagiello sv)

Radovanovic – Lotta, prova a dare geometrie – scolastiche – alla manovra del Genoa, ma non incide. Fisicamente e tecnicamente viene sovrastato dai dirimpettai blucerchiati, e dall’altra parte non c’erano dei fenomeni.

Cassata 6 – Il migliore del centrocampo rossoblù, canta e porta la croce. L’ammonizione rimediata nel primo tempo non lo limita, anzi, lo galvanizza.

Pajac – Male, come nell’ultimo periodo a questa parte. Non incide in fase offensiva sbagliando quasi tutti i suggerimenti  verso il cuore dell’area di rigore, in più patisce quando deve rincorrere l’avversario di turno. (Dal 20’st Ankersen sv)

Sanabria – Gettato nella mischia all’ultimo minuto in luogo dell’infortunato Sturaro. Impalpabile per larghi tratti del match, ha sul destro la palla gol per il Genoa più ghiotta del match ma cerca un improvvido suggerimento al centro

Pinamonti 4,5 – Questo ragazzo è ammirabile per abnegazione e sacrificio, ma a un attaccante serve essere pericoloso per lasciare il segno. Lascia intravedere di essere un potenziale buon giocatore, ma al Genoa, in questo momento, serve una punta capace di trovare la via della rete con continuità

All Thiago Motta 5 – Una premessa è doverosa, la coperta oggi era cortissima. Tante defezioni tra squalificati e infortunati, al punto da dover rispolverare Sanabria. Perde la sua quarta partita su otto, ma questa fa più male di tutte

Sampdoria 6,5

Audero 6, Colley 6, Ferrari 6, Thorsby 6,5, Murru 6, Ekdal (dal 45’pt Murillo 6,5), Linetty 6,5, Depaoli 6, Viera 6,5, Ramirez 5,5 (dal 30’st Caprari sv), Quagliarella 5,5 (dal 30’st Gabbiadini 7) All Ranieri 6,5

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.