Zajc: «Giocare con Badelj e Strootman è…bellissimo»

«Mi piace giocare con loro due perché siamo giocatori un po' diversi» ha spiegato il centrocampista a Genoa Channel

1739
Zajc e Serena Gualinetti Foto da Genoa Channel)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Giocare con Milan e Kevin è…bellissimo». Miha Zajc ha risposto così alle domande di Serena Gualinetti, nel corso di un’intervista su Genoa Channel. «Mi piace giocare con loro due – prosegue il centrocampista del Genoa – perché siamo giocatori un po’ diversi: in questo modo facciamo le giocate giuste e possiamo aiutare anche i nostri compagni». Il giocatore ha parlato anche del papà allenatore di basket, dei suoi trascorsi all’Olimpia Lubiana, dove ha vinto il campionto, e all’Empoli.

E’ più buono il pesto o la kranjska klobasa (NDR: salsiccia carniolana)? 

«Io sono originario di una città confinante con l’Italia e la pasta col pesto mi è sempre piaciuta. Però non abbandono le mie tradizioni slovene».

Come ti trovi a Genova?

«Mi trovo bene, è una città vicino al mare. Anche il Genoa mi ha accettato benissimo. Sin dal primo giorno in cui sono arrivato, i miei compagni e anche quelli che lavorano nel club mi hanno aiutato tanto: mi sembra proprio che siamo una famiglia. Sono già stato in una città vicino al mare come ad Istanbul (NDR: ha giocato nel Fenerbahce): mi trovo bene dove c’è caldo» afferma sorridendo Zajc.

A chi ti ispiri?

«Mi ispiro a Valter Birsa che abitava vicino casa mia nella città di San Pietro in Slovenia: eravamo a 200 metri di distanza. Ho giocato contro Luka Modric: occupa la mia stessa posizione in campo e mi piace molto».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.